BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

MANOVRA/ Emendamenti, cosa cambia: Imu, pensioni e stop alle liberalizzazioni

In arrivo alcuni cabiamenti alla manovra finanziaria del govenro Monti, già approvati dalle Commissioni bilancio e finanze, in attesa del voto di domani alla Camera. Cosa cambia

Foto Ansa Foto Ansa

Manovra sotto esame e cambiamenti in arrivo. Le commissioni bilancio e finanze stanno passando i numerosi emendamenti proposti dai partiti e dalle parti sociali. Il voto sulla manovra, previsto oggi, è slittato a domani, proprio per aver più tempo per rivedere capitoli spinosi come quelli relativi alle pensioni e alla tassa sulla prima casa che tante proteste hanno scatenate, sfociate nello sciopero unitario di ieri dei sindacati Cgil, Cisl e Uil. Il governo sta aprendo a qualche cambiamento, dopo aver dato l'impressione di non volerne fare. In primis le pensioni: il ministro del welfare Fornero, che sembrava la persona meno incline ai cambiamenti, ha fatto sapere ieri che l'esecutivo è disponibile a rivedere il blocco dell'indicizzazione e ad alzare la soglia minima in cui l'indicizzazione verrebbe calcolata (fino a 1300 - 1400 euro). Anche sull'Imu si aprono spiragli di cambiamento: in manovra dovrebbe essere inserito il calcolo del quoziente familiare per stabilire quanto pagare di tassa sulla casa. Già approvati invece il tetto dei mille euro per i pagamenti dello Stato, lo stop alle aste di Equitalia (i beni espropriati verranno venduti direttamente dal contribuente),  la proroga dei pagamenti esattoriali per le aziende, la deduzione Irap del 10%. Ci si ferma invece sulle liberalizzazioni: l'abrogazione diventa reale solo a partire dal 31 dicembre 2012. Ecco cosa è previsto: il divieto di fare attività economica al di fuori di una certa area geografica e l'abilitazione a esercitarla solo all'interno di una determinata area (ad esempio i taxi); l'imposizione di distanze minime tra le localizzazioni delle sedi deputate all'esercizio di una attività economica; il divieto di esercizio di una attività economica in più sedi; la limitazione dell'esercizio di una attività economica ad alcune categorie o divieto, nei confronti di alcune categorie, di commercializzazione di taluni prodotti; la limitazione dell'esercizio di una attività economica attraverso l'indicazione tassativa della forma giuridica richiesta all'operatore; l'imposizione di prezzi minimi o commissioni per la fornitura di beni e servizi; l'obbligo di fornitura di specifici servizi complementari all'attività svolta.


COMMENTI
13/12/2011 - commento a manovra Monti (Claudio Baleani)

Questi sono tutti matti e ci portano alla catastrofe. Ma come si fa a portare le pensioni a 42 anni di contributi, l'IVA al 23% e la benzina a 1,7 al litro?. Questa manovra è una stupidaggine che ci sfascia e crea l'odio per accontentare la sete di sangue dei tedeschi. Ho una proposta alternativa: aumentiamo l'irpef e l'ires di 10 punti. E' ammessa la detrazione del rischio di investimento in titoli di stato nel limite di quanto pagato l'anno precedente. E' ammesso il mutuo sulla casa a tasso zero nel caso di acquisto di titoli di stato. Vediamo se è vero, come è vero, che gli italiani ce l'hanno il risparmio. In questo modo abbattiamo lo spread all'1% e portiamo a zero il costo del servizio sul debito. Nel frattempo abbattiamo la spesa pubblica di 50 miliardi, incominciando dalle regioni, dalla politica, dalle pensioni portate a 35 anni per tutti e con una tassa sulle pensioni pregresse sopra a 1000 euri che non avevano i requisiti attuali. Cordialmente Claudio Baleani

 
13/12/2011 - Fuori dalle chiese o sui marciapiedi (Francesco Giuseppe Pianori)

Sarà permesso chiedere l'elemosina fuori dalle chiese o sui marciapiedi? Sarà permesso farlo su tutto il territorio nazionale o sarà necessaria una licenza comunale? Saranno soggette a tassazione le offerte ricevute? Bisognerà pagare una tassa per l'occupazione del suolo pubblico? Gli scalini delle chiese saranno soggette alle normative italiane o si potrà godere dell'extraterritorialità o del diritto d'asilo? Si potranno ricevere inviti a pranzo e a cena da amici o anche da sconosciuti? Come saranno valutate ai fini fiscali i beni ricevuti o il pezzo di pane ed il vino avuti? Ci si potrà associare fra mendicanti o sarà recepita questa attività come "associazione a delinquere di stampo mafioso finalizzata all'evasione fiscale"? I mendicanti di Rimini e circondario potranno recarsi liberamente a San Marino o sarà loro imposta la doppia tassazione? Saranno considerati colpevoli di traffico di valuta qualora siano sorpresi con qualche centesimo in tasca? VIVA LA LIBERTA' DI MENDICANZA!

 
13/12/2011 - occorre liberalizzare la libertà (francesco taddei)

a quando il decreto che il figlio può svolgere solo il lavoro del padre?