BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

MANOVRA E FARMACIE/ L'esperto: stop alla liberalizzazione dei farmaci? Così non cresceremo mai

Stop alla liberalizzazione dei farmaci (Foto Ansa)Stop alla liberalizzazione dei farmaci (Foto Ansa)

Credo proprio che le farmacie abbiano degli obblighi di pubblico servizio e che non possano chiudere liberamente. Da questo punto di vista mi ritengo molto radicale: per fare un esempio, durante l’amministrazione Reagan negli Stati Uniti ci fu una grossa protesta dei controllori di volo che avevano intenzione di bloccare i cieli del Paese, e il problema fu risolto licenziandoli in blocco e sostituendoli con controllori di volo militari, perché non si può paralizzare un paese solo per difendere i propri interessi, legittimi entro certi limiti, ma non da sostenere così tanto fino a mettere a repentaglio esigenze molto più forti.

In conclusione, quindi, cosa pensa dell’intera vicenda?

Credo che si tratti dell’ennesima giornata negativa per chi in Italia aspetta da anni mercati più liberi.

 

 

(Claudio Perlini) 

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
14/12/2011 - risposta al professore (antonio spirito)

scusi signor esperto ma non si è accorto che nel dare le risposte ha risposto indirettamente al quesito "liberalizzazione per farmacie"? mi spiego meglio, lei afferma che le farmacie svolgono un servizio pubblico...bene allora mi dice come può essere concepita una liberalizzazione per un servizio pubblico per il mercato dei farmaci che non è in espansione? Secondo me sarebbe assurdo. si vuole creare occupazione nel mondo farmaceutico? allora che si abbassi il quorum e si istituiscano concorsi per soli giovani, così chi apre una farmacia non la apre con il patema e la paura che "vada male", perchè un professionista non può chiudere per "fallimento", questo sarebbe il vero default dello stato!! questi scenari che si stanno delineando sono solo degli abbagli per i colleghi in parafarmacia ma il vero interesse è della GDO, infatti la gdo non risente affatto di nessuna concorrenza con le loro città commerciali..come si potrebbe competere con loro nel mercato dei farmaci? allora termino consigliando a tutti di approfondire questa materia a 360°, così addentrandoci meglio in questo mondo si capirebbe chi ha interessi e chi magari vuole salvarsi da un assedio contro il quale sarebbe impossibile resistere.