BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

MANOVRA/ Campiglio: Imu e Isee, così Monti ha umiliato la famiglia

Foto ImagoeconomicaFoto Imagoeconomica

Diciamo che sono state accolte alcune istanze di principio che hanno attenuato il vizio di origine di questa manovra: il fatto di far fronte in un lasso di tempo molto breve a un’emergenza finanziaria con provvedimenti che sono però destinati ad avere effetti che dureranno nel tempo per milioni di famiglie. Bisogna anche tener conto delle altre manovre di quest’anno: la loro somma complessiva costituisce un ammontare di risorse molto elevato. Speriamo che non lo sia troppo.

 

Pensa che, vista anche la prospettiva di una recessione imminente, nel 2012 ci si ritroverà a dover varare un’altra pesante manovra per raggiungere il pareggio di bilancio nel 2013?

 

Spero proprio che questo non accada, perché da questo punto di vista abbiamo davvero già raschiato il fondo del barile e rischiamo di entrare in una spirale di austerità economica che riduce l’attività economica, con ciò facendo aumentare anziché diminuire il disavanzo pubblico. Questo è lo scenario che va scongiurato da qui ai prossimi mesi. Spero comunque che su due fronti l’azione politica faccia seguire i fatti alle parole.

 

A cosa si riferisce?

 

In primis a interventi incisivi per contrastare l’evasione fiscale, che in condizioni normali può essere probabilmente tollerata, ma che di fronte a un’emergenza come quella attuale diventa davvero insopportabile. Lo stesso si può dire sui tagli ai costi della politica. Non si tratta delle cifre che possono essere risparmiate in sé, ma del fatto che se il Paese è in condizioni di emergenza è fondamentale che la classe dirigente dia il buon esempio.

 

(Lorenzo Torrisi)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
16/12/2011 - famiglia si ,famiglia no! (Alberto Speroni)

c'è un motivo ben preciso del perchè ,tra una scusa e un 'altra,non si aiuta MAI la Famiglia! è un motivo ideologico trasversale a Tutte le forze politiche presenti di volta in volta ,al governo di questo Paese. il motivo è presto detto (sintetizzato... ): "distruggi la Famiglia e avrai distrutto e/o ridotto all'impotenza la Chiesa!" ..."grembiulino e compasso" firmano a piene mani!! e se finalmente i cattolici ,non solo quelli "adulti"(!)...,ma anche e sopratutto gli "altri "invece di riempirsi la bocca con le critiche o le proposte destinate a rimanere sulla carta per l'abilità perversa del politicante di turno specializzato a cassare le iniziative a favore della famiglia ,smettessero di puntellare il potere di coloro che li fregano con pacche e sorriso sulle labbra, la gente comune,il popolo ,le famiglie ,saprebbero finalmente con chi e da che parte stare!! ps il mondialismo dei potenti di turno NON è per l'aumento della popolazione ....QUINDI....!! cordiali saluti Alberto Speroni

 
16/12/2011 - basta per il deficit ma non per la crescita (antonio petrina)

egr prof credo che monti abbia fatto la manovra per tamponare il deficit biennale e per coprire l'asta dei titoli di stato in scadenza prossima (s)ventura, rinmpinguando il fondo svalutazione crediti ( come lei giustamente aveva sollevato per i titoli in scadenza 2012 ).Ora per la crescita i compiti per casa del prof monti sono ancora peggiori, viste le varie liberalizazioni presentate che ricordano le passate lenzuolate! Se non ci aiuta la Bce con i suoi titoli (eurobond) del fondo salva stati la crisi recessiva sarà peggiore?

 
16/12/2011 - I gioielli di famiglia (Giancarlo Paganini)

C'è una cosa che mi sfugge e che non ho mai trovato nei discorsi attuali sulla crisi economica: le riserve auree. L'Italia, o meglio, la Banca d'Italia, che io sappia, ha da parte un bel gruzzoletto di non so quanti miliardi in lingotti d'oro, stipati un po' in patria e un po' all'estero. Mi piacerebbe sapere a quanto ammonta il tesoretto, e perché, visto che sono risparmi che appartengono al popolo italiano, non vengono rimessi almeno un po' in circolo. Qualcuno che li detiene si oppone? Ogni famiglia che arranca finanziariamente inizia a vendere i gioielli, poi via via le altre cose. Giancarlo