BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

AUTOSTRADE/ Aumento pedaggi dal 1° gennaio 2012: ecco i rialzi tratta per tratta

Foto ImagoeconomicaFoto Imagoeconomica

Proseguiamo ora la graduatoria degli aumenti, vedendo quelli che superano la media del 3,1%. La Tangenziale di Napoli Spa aumenterà le proprie tariffe del 3,49%. Autostrade per l’Italia, che è il maggior concessionario d’Italia con oltre 3.000 km di rete in gestione (tra cui l’A1 Milano-Napoli e la A14 Bologna-Taranto), aumenterà i pedaggi del 3,51%. La Sitaf (Società italiana traforo autostradale del Frejus) Spa, che gestisce la A32 Torino-Frejus diversificherà i suoi aumenti a seconda della barriera utilizzata: nel caso di quella di Bruere (il collegamento con la tangenziale di Torino) l’aumento sarà del 4,15%; nel caso di quella di Salbestrand (la più vicina al confine) sarà del 5,12%; nel caso di quella di Avigliana (a 10 km circa da Torino) sarà del 5,62%. La Sat (Società autostrada tirrenica) Spa che gestisce la A12 Livorno-Rosignano Marittimo aumenterà il pedaggio del 4,82%. Per l’Autostrada dei fiori Spa, che gestisce la A10 Savona-Ventimiglia il ritocco sarà del 5,22%.  La Centro Padane Spa, che ha in concessione la tratta della A21 tra Piacenza e Brescia farà crescere il pedaggio del 5,62%. La Salt (Società autostrada ligure toscana) Spa, che gestisce la A12 Genova-Livorno e la A11 nel tratto Viareggio-Lucca, vedrà un aumento del 5,68%. La Satap Spa, che gestisce la A21 Torino-Piacenza e la A4 Torino-Milano, ritoccherà all’insù del 6,32% la tratta che va da Torino a Novara est, mentre porterà l’aumento al 6,8% tra Novara est e Milano. Nel caso della A21 tra Torino e Piacenza, il rialzo arriverà al 9,7%. La Ativa Spa, che gestisce il tratto della A5 tra Torino e Ivrea, vedrà un aumento del 6,66%. Il gestore della A4 nel tratto Brescia-Padova porterà i pedaggi insù del 7,45%. Per la Strada dei parchi Spa, che gestisce la A24 Roma-Teramo e la A25 Torano-Pescara,  l’aumento delle tariffe sarà dell’8,06%. La Autocamionale della Cisa Spa, che gestisce la A15 Parma-La Spezia, ritoccherà i pedaggi dell’8,17%.

Vediamo per ultimi i rialzi che sono in doppia cifra. Sotto quello più alto, che sarà del 14,17% da parte della Rav Spa, di cui abbiamo parlato prima, ci sono quello della Sav (Società autostrade valdostane) Spa, pari all’11,75% per la tratta della A5 tra Quincinetto e Aosta e quello delle Autovie venete Spa che aumenteranno del 12,93% i pedaggi per le seguenti tratte: A4 Venezia-Trieste, A28 Portogruaro-Conegliano e A23 Palmanova-Udine.

© Riproduzione Riservata.