BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

MANOVRA MONTI/ 4. "Mario il Mago" converte Alesina e Giavazzi e ammazza il ceto medio

Foto AnsaFoto Ansa

Ovviamente assicurando i sindacati che il problema del mercato del lavoro non sarebbe stato toccato. Se il professor Monti e il suo governo pensano che il problema della crescita italiana (che ristagna da un quidicennio), nonostante l'arrivo in politica di Di Pietro e altri “purificatori” della “casta”, si possa risolvere con un aumento della pressione fiscale, reintroducendo pure l'Ici sulla prima casa, è meglio che si dedichi ancora ai problemi della concorrenza, così come ha già fatto in sede comunitaria. Non si preoccupi di fenomeni alla Steve Jobs e alla Bill Gates in Italia. Quelli erano giovani che lavoravano in un garage e in Italia, a fermarli ci penserebbero burocrazia, finanza, uffiucio d'igiene, magari mandandoli per qualche mese in galera. E' talmente tradizionalmente recessiva, stando alle indiscrezioni, la manovra di “Mario il mago” e del suo governo, che persino i suoi più influenti supporters, come Francesco Giavazzi e Alberto Alesina, hanno pensato bene nel fondo domenicale del Corriere di inviare una lettera carica di dubbi a Mario Monti: “Dobbiamo confessarle, con tutto il rispetto per il compito difficilissimo che Lei sta svolgendo, che le indiscrezioni che leggiamo sui giornali ci preoccupano e speriamo davvero che Lei e il suo governo le smentiscano con i fatti”, Una virata a “u” del giornale di via Solferino che deve venire dal profondo di qualche “stanza”, profondamente preoccupata dalla delusione che “Mario il mago” potrebbe provocare. Con conserguenze sociali nella realtà italiana, soprattutto a Nord del Paese, che difficilmente potrebbero essere gestibili.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
04/12/2011 - Pensioni (Diego Perna)

Mio padre 85 anni, mia madre 80, sono fortunato ad averli ancora entrambi. Hanno un mutuo sulla casa, ancora pochi anni, e la pensione da insegnante di mio padre. Oggi mi hanno chiesto, preoccupati se gli avrebbero ridotto la pensione, e se gli avessero rimesso l' ici. La pensione non ve la toccano, la bloccano, è uguale ho loro risposto, l' ici dovrete pagarla, spero ,ho aggiunto che tengano conto del vs reddito. Come posso accettare che ci siano alcuni che hanno pensioni d'oro che non saranno toccate perche' diritti acquisiti ? Come posso accettare che non tutti vivono sulla pelle questa crisi, e magari ne parlano in conferenze o su tv e giornali, oppure alcuni addirittura ci guadagnano ! Io credo che siamo alla svolta epocale di cui parlava Tremonti nel 2008, siamo alla fine della curva ma non vediamo ancora cosa c'è dopo, e Monti sta soltanto facendo ciò che é facile fare rapidamente, prendere i soldi dove viene semplice, non perchè è un cattivissimo affamatore di ceto medio o poveri, ma perchè il rischio che corriamo è enorme, stiamo affrontando qualcosa con scenari completamente nuovi, tutto è connesso e collegato con piû fili e detonatori, metafora di una bomba collegata a piú congegni di scoppio interdipendenti. Comunque sinchè c'è vita c' è speranza, e in un garage si può diventare un Bill Gâtés, anche in Italia, basta stare ben nascosti e non farsi trovare dal fisco, dall' INPS ,dai Vigili urbani, le sanzioni sarebbero molto di più del 5% di uno scudo fiscale.

 
04/12/2011 - economia di guerra (francesco scifo)

Ho il terrore di scrivere questo commento ma penso che sia un dovere civico farlo. Vi sono due fattori concorrenti che stanno creando una situazione insostenibile e nessuno sembra che li veda. Stiamo andando incontro ad una guerra contro l'Iran e, considerato che tutto il medio ed il vicino oriente è ormai in piena deriva islamica, per chi pensate che perteggieranno i nostri vicini? D'altro canto, la crisi economica con questa manovra si aggraverà, perchè il ceto medio, l'unico che tira la carretta, non è in grado di sopportare l'ulteriore pressione fiscale oggi imposta, pena il suo default. L'aggressività che si vede in giro per le strade in tutti i settori sociali non è un buon segnale, ci vuole una visione più ampia dei problemi di quella puramente economica. Altrimenti, presto ci troveremo con i pochi privilegiati, che appaiono ricchi, assediati nelle loro Istituzioni e nelle loro macchine blu o peggio.

 
04/12/2011 - Mago? No, prestigiatore.... (Mariano Belli)

Mario il Mago? Ma quando, ma chi l'ha detto? I suoi amichetti finanzieri che ce l'hanno imposto forse...però certo come prestigiatore è bravo, sopratutto sa come far sparire pensioni, benessere, speranza nel futuro... Il popolo italiano sa bene cosa pensare di lui...se solo certi i sondaggi non fossero truccati....