BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

BANCA D’ITALIA/ I grandi istituti devono consolidare il patrimonio e distribuire utili con prudenza

La Banca d’Italia si rivolge ai grandi istituti di credito,invitando alla prudenza nella distribuzione degli utili e a migliorare e continuare gli sforzi per consolidare il patrimonio.

Foto: Imagoeconomica Foto: Imagoeconomica

La Banca d’Italia si rivolge ai grandi istituti di credito,invitando alla prudenza nella distribuzione degli utili e a migliorare e continuare gli sforzi per consolidare il patrimonio.

«La crescita dell'economia è ancora limitata», rispetto agli altri Stati Ue e «le conseguenze ritardate della recessione del 2009 continuano a pesare sulla qualità degli attivi bancari; i crediti deteriorati sono cresciuti anche nel 2010, anche se a ritmi meno rapidi dell'anno precedente»: lo scrive in una nota Bankitalia riferendosi all'incontro fra il direttorio di via Nazionale e i rappresentanti del gruppi bancari italiani principali.

In ogni caso, «nel quadro di una modesta ripresa congiunturale, ancora differenziata per settori e per imprese, la domanda di credito ha mostrato qualche segnale di ripresa, sia nel Centro-Nord sia nel Mezzogiorno», continua. In una situazione del genere, quindi, «l'azione dovrà continuare e intensificarsi tenendo conto che la riduzione dei margini e l'aumento nel costo della raccolta hanno probabilmente natura strutturale» mentre «alla luce della nuova regolamentazione internazionale del sistema bancario», sii rende «indispensabile che le banche continuino ad assicurare la propria capacità di resistere a eventuali shock macroeconomici, misurati con stress test severi».

CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO