BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FIAT/ Vertice Berlusconi - Marchionne offre confereme: l'auto rimarrà in Italia

Pubblicazione:sabato 12 febbraio 2011

Sergio Marchionne (foto: Ansa) Sergio Marchionne (foto: Ansa)

LA FIAT RIMARRA’ IN ITALIA: FINITO L'INCONTRO BERLUSCONI-MARCHIONNE - È finito pochi minuti fa l’incontro tra Sergio Marchionne e Silvio Berlusconi, in programma oggi a Palazzo Chigi alla presenza di alcuni ministri e del presidente di Fiat, John Elkann.
Occhi puntati sul vertice, dopo il rincorrersi nei giorni scorsi di voci che segnalavano una Fiat stanca di investimenti poco redditizi in Italia, e intenzionata a trasferire buona parte delle proprie strutture all’estero.

 


In una nota diffusa dalla presidenza del Consiglio alla fine dell’incontro, Marchionne ed Elkann avrebbero confermato al contrario di voler continuare a investire nella penisola, portando la produzione da poco più di 600 mila vetture a quasi un milione e mezzo, e garantendo investimenti per una cifra pari a venti miliardi di euro da parte di Fiat e di Fiat Industrial.

 


L'esecutivo ha inoltre confermato che concorrerà a realizzare le migliori condizioni di competitività perché gli investimenti previsti in Italia siano il volano per raggiungere il più alto posizionamento rispetto ai concorrenti del settore.



CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO SULL’INCONTRO TRA MARCHIONNE E BERLUSCONI


  PAG. SUCC. >