BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SCENARIO/ 2. Quattro consigli per far funzionare il "piano Berlusconi"

Il Consiglio dei ministri discute oggi il piano per la crescita dell’economia italiana. GIUSEPPE PENNISI ci spiega dove sarebbe bene intervenire

Foto Fotolia Foto Fotolia

Hollis B. Chenery, l’economista americano che da giovane funzionario del Piano Marshall inventò, in una stanza di Via Veneto (con Vera Lutz e Gisele Podbielski), quella che sarebbe diventata la Cassa per il Mezzogiorno, ha passato la propria vita a studiare quali sono le caratteristiche di una politica di crescita.

 

Nella veste di Vice Presidente della Banca Mondiale aveva 200 economisti per coadiuvarlo e statistiche di 180 Paesi. Il succo delle sue ricerche - pubblicate in una dozzina di libri - è che occorre individuare con cura le determinanti principali e perseguire le strategie definite sulla base di questa individuazione con coerenza, costanza e pervicacia.

 

Se si individuano le determinanti errate (ad esempio, gli effetti invece delle cause, oppure elementi secondari invece dei principali) si parte con il piede sbagliato e il ruzzolone è probabile. Se non si perseguono strategie corrette con coerenza, costanza e pervicacia si finisce come nell’estate del 1992, quando i mercati pensarono che avevamo posto per celia la nostro firma a un Trattato di Maastricht di cui non ci interessava più di tanto, con le conseguenze che ricordiamo (un deprezzamento del 30% del valore internazionale della lira). Ciò è tanto più importante in queste ore in cui si sta mettendo a punto quello che dovrebbe essere un programma di crescita tale da dare una svolta all’Italia.

 

In effetti, da tre lustri l’Italia è piatta: il tasso di crescita del Pil è rasoterra; siamo l’unico Paese del G7 in cui dal 2001 al 2010 il reddito procapite ha segnato una riduzione dello 0,4% (rispetto ad aumenti dell’1% in quasi tutti gli altri). Le prospettive per l’avvenire non sono incoraggianti. I 20 maggiori istituti econometrici internazionali hanno stimato una crescita media attorno all’1,5% per l’eurozona nei prossimi 24 mesi, ma attorno all’1% per l’Italia.

 

Il Piano Nazionale di Riforme (Pnr) varato dal Governo a fine 2010 (e all’esame dell’Ue in aprile) propone un programma di liberalizzazioni per portare al 2% il tasso di crescita entro il 2013. Sarebbe già un grande successo, perché studi della Commissione Europea, della Bce e del National Bureau of Economic Research Usa (tutti distinti e distanti dalle nostre beghe) pongono all’1,3% l’anno il tasso di crescita “potenziale” dell’Italia. Un’analisi econometrica da me condotta, indica che il saggio potrà arrivate all’1,7% (ossia prossimo all’obiettivo del Pnr) se verranno effettuate tuttele misure indicate nel Piano di fine 2010.


COMMENTI
09/02/2011 - Piano Italia (Andrea Trombetta)

Suggerimenti molto interessanti sul piano tattico. Ma in termini strategici? La ricetta è buona per ogni nazione, ma qual è la ricetta specifica per il competitor Italia? Cosa deve e cosa non deve fare rispetto agli altri paesi? Perché 7 milioni di svizzeri possono competere con 1,4 miliardi di cinesi? C'è un gap strategico che una politica liberale e di sussidiarietà non può ignorare ....