BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA/ 1. Dal Giappone una crisi in cinque "mosse"

Pubblicazione:martedì 15 marzo 2011

Foto Ansa Foto Ansa

Tutt’altro che chiara, invece, la posizione di Moody’s, l’agenzia di rating, la quale in un primo tempo ha dichiarato di non temere danni particolarmente gravi al sistema di pagamento giapponese, salvo poi dichiarare attraverso il suo vice-presidente, Tom Byrne, che «le conseguenze economiche appaiono decisamente più vaste di quanto avevamo preventivato venerdì». Insomma, tutti parlano ma nessuno, in realtà, riesce ancora a fornire una stima credibile e un outlook preciso.

 

Mettiamo a fuoco, allora, le cinque variabili che potrebbero influenzare economicamente e finanziariamente il Giappone post-sismico. Anche perché se i mercati di valute e commodities hanno scontato subito venerdì il colpo peggiore dal terremoto, ora i danni potrebbero andare a cascata e colpire anche Usa e più in generale l’economia mondiale: ricordiamoci che il Giappone già faticava pesantemente a superare i fantasmi della sua “lost decade” di stagnazione economica e ora il peso del debito potrebbe farsi sentire.


Lo certifica un guru come Dennis Gartman, manager di hedge funds e autore del bollettino per investitori “The Gartman Letter”, secondo cui «questo rischia di trasformarsi nel più costoso disastro della storia. Questo terremoto non è infatti qualcosa che riguarda solo il Giappone, ma coinvolge direttamente le due sponde del Pacifico e i dollari da spendere potrebbero aumentare vertiginosamente».


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >

COMMENTI
15/03/2011 - Il Dio denaro. (Alessandro Sasso)

Meglio una guerra o un terremoto con annesso tsunami per muovere l'economia? Ah, questi cinici adoratori del Dio denaro... Quando li sento parlare del "costo umano" mi vien da ridere: sai che gliene frega a loro della morte di migliaia di esseri umani? Stanno già facendo i loro conti, quanto ci guadagneranno.... Ma, prima o poi, questa storia finirà.