BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

FINANZA/ 1. Il mix Giappone-Bahrain fa tremare i mercati

Foto Ansa Foto Ansa

Mentre in Giappone accade tutto questo, gli eventi in Bahrain portano una minaccia letale nell’epicentro della fornitura petrolifera globale. I manifestanti sciiti hanno denunciato l’arrivo delle truppe saudite in difesa del re sunnita come un “atto di guerra”, trasformando di fatto ciò che un mese fa era nato come un movimento per reclamare maggiore libertà in una potenziale rivolta settaria sciita, componente che vanta il 70% dell’isola e con radici arabo-iraniane.

 

Non è un caso che Teheran abbia definito “inaccettabile” la mossa di Riad e lasciato intendere che un’ulteriormente violenta repressione, troverebbe nell’Iran una risposta. Per l’agenzia di intelligence Exclusive Analysis «è da mettere in preventivo un uso massiccio e deciso della forza contro i manifestanti in Bahrein se questi alzeranno il tiro, atto che potrebbe portare l’Iran ad attivare le sue milizie di confine per portare a termine attacchi contro le forze speciali».

 

Questa ipotesi potrebbe dar vita a uno stato di latente guerriglia tra le due superpotenze del Golfo e innescare una rivolta sciita nella provincia orientale dell’Arabia Saudita, dove si trova il mega-giacimento petrolifero di Ghawar. Per David Murrin di Emergent, gli eventi sono divenuti ormai infermabili: «Non si può rimettere nella lampada il genio della rabbia sciita e tantomeno i sauditi possono cercare di comprarli o corromperli, c’è di fatto già in atto una rivoluzione in una regione che sostiene l’economia americana e il dollaro».

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
17/03/2011 - Ma quale ripresa? (J B)

"Per David Bloom, capo del valutario a Hsbc, «la gente pensava che la ripresa mondiale fosse autosostenuta e ora invece i mercati stanno cominciando a chiedersi se quanto sta accadendo possa spegnere ogni speranza in tal senso»" Ma che gente! La gente... di Bloom. Ma quale ripresa? Ma perfavore. Finiamo di prenderci in giro. Una ripresa basata su cosa? Sulle banche centrali che stampano (falsificano) moneta e monetizzano il debito? Non è mai esistita nessuna ripresa. Non hanno permesso una sana deflazione per curare i mali del precedente boom. Ed ora abbiamo solo ingigantito i problemi pre-2008 visto dai subprime siamo ora passati ai bond statali. Il Giappone dovrebbe far rivalutare lo Yen ed alzare i tassi di interesse. Quindi favorendo i risparmi che serviranno per la ricostruzione e dando maggior potere d'acquisto ai cittadini ed alle imprese che i materiali per la ricostruzione dovranno importarli. Poi il Giappone detiene qualcosa come oltre 800BN di T-bills. Quando li venderanno e smetteranno di comprarli (ricordiamo che recentemente anche Pimco ha smesso di comprare Tbills e che per il 70% (!!!) sono ora acquistati dalla Fed) arriverà un altro tsunami... ma questa volta di inflazione dei prezzi e direttamente in Us.