BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

Banca d'Italia: prestiti e mutui più cari per le famiglie

Secondo Banca d'Italia i mutui e i prestiti per le famiglie sono stati più cari nel mese di Gennaio: lo si legge nel bollettino "Moneta e Banche" curato appunto da Bankitalia

Mario Draghi (Foto Ansa)Mario Draghi (Foto Ansa)

Secondo Banca d'Italia i mutui e i prestiti per le famiglie sono stati più cari nel mese di Gennaio. Secondo il bollettino "Moneta e Banche" curato appunto da Bankitalia, infatti, a fronte di una diminuzione di 0.01 punti percentuali degli interessi maturati dai conti correnti, si assiste all'aumento dal 3.18% al 3,36% dei tassi di interesse sui mutui per l'acquisto delle abitazioni da parte delle famiglie. 

Le notizie dell'aumento dei costi non si ferma però qui. Banca d'Italia, infatti, nel medesimo rapporto, rende noto anche l'aumento di quasi mezzo punto percentuale dei tassi sul credito al consumo che passano al 8,78% dal 8,33%.

Nonostante questo sempre dall'indagine di Bankitalia risulta che le famiglie sono tra i soggetti più in difficoltà a causa della crisi, infatti la richiesta di prestiti bancari è aumentata del 5% rispetto a dicembre 2010. Banca d'Italia precisa comunque che rispetto al tasso annuale visto a dicembre: "è rimasto invariato il tasso di crescita per il credito alle famiglie"

La situazione è comunque generalizzata, perché è da sottolineare il fatto che il tasso di crescita dei prestiti in generale erogati dalle banche al settore privato è cresciuto in modo accelerato mentre il tasso di crescita delle sofferenze rimane stabile al 30%.

© Riproduzione Riservata.