BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

FINANZA/ 1. La crisi spinge gli Usa alla "guerra" con l’Europa

Foto Ansa Foto Ansa

Eppure, nonostante anche il Fmi chieda tagli e austerity, Usa e Giappone sono gli unici due paesi che stanno dando vita a un aumento della spesa pubblica: la scelta di Tokyo, a mio avviso comunque suicida, è giustificata dalla necessità di far fronte alla ricostruzione post-terremoto, negli Usa invece si scontano ancora gli effetti del diluvio di denaro a costo zero posto in essere con il Qe2 voluto dal buon Ben Bernanke. Ma si sa, in America sono bravissimi a fare la morale agli altri, mentre lo sporco di casa finisce sempre sotto il tappeto: peccato che a lungo andare, quando il tappeto diventa alto due metri, il giochino svanisce. Basta vedere la composizione del paniere del Bureau of Labor Statistics per capire che il tasso di inflazione Usa che ci viene comunicato è spesso e volentieri manomesso.

 

 

Con il prezzo degli immobili che pesa per il 42%, vi stupisce il fatto che calino le valutazioni per le case? L’America è in piena guerra economico-finanziaria con il mondo e ogni arma è ritenuta valida: Kissinger diceva che essere nemici degli Usa è pericoloso, ma essergli amici è mortale. Converrà tenerne conto, perché la potenza di fuoco che Washington sta per mettere in campo è spaventosa. Lo dimostra il report sui metalli pubblicato due giorni fa da Goldman Sachs, di fatto la succursale che conta del Tesoro Usa, capace di far crollare il Brent e le commodities, soprattutto il rame, dopo aver rivisto le stime al ribasso: capite, basta che il centro del potere decida che i prezzi devono scendere che la profezia si autoavvera.

Certo, Goldman lo ha fatto per il bene dei suoi clienti, consigliandoli di gettarsi sui profitti fatti finora - non da poco - evitando rischi, ma il fatto che la situazione sia grave lo ha dimostrato la giornata di ieri, con oro, argento e petrolio tutti in risalita nonostante il diktat di Goldman Sachs e Bank of America che consigliava ai clienti di gettarsi sul crude perché potrebbe toccare i 160 dollari al barile. Ma come, i guru hanno sbagliato la previsione?