BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

QUALCOSA DI SINISTRA/ L’Italia e la lezione delle "due" Parmalat

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Foto Imagoeconomica  Foto Imagoeconomica

C’è invece molto di sinistra da dire sullo scandalo di sentenza che ha mandato assolte le banche e i banchieri che erano ideologicamente correi della truffa di Tanzi. Ideologicamente nel senso che forse non avevano effettivamente commesso (lo si vedrà in appello) il reato per il quale erano stati perseguiti - l’aggiotaggio - ma avranno ben capito, almeno da un certo punto della vicenda in poi, che continuando a strafinanziare “il matto” di Parma rischiavano di bruciarsi ancor più di quanto già non gli fosse accaduto, ma se ne sono fregati, tentando fino allo stremo di salvarsi salvando l’insalvabile e coinvolgendo così nelle scottature anche i piccoli risparmiatori. Ma effettivamente, così facendo, hanno per mesi dato l’impressione al mercato che la Parmalat non fosse così decotta come pareva: non sarà reato, ma è una gravissima colpa morale.

Come condannarli per questa gravissima colpa morale? Non col reato di aggiotaggio, cui hanno fatto maldestramente ricorso i pm, perché la manipolazione delle notizie per distorcere i corsi dei titoli sul mercato in questo caso non è pacifico che ci sia stata. E forse neanche il concorso in truffa. Di sicuro, però, le banche “non potevano non sapere”, e in altri tempi per questo teorema centinaia di imputati sono stati tenuti mesi e mesi al fresco. Stavolta, invece, niente: e ciò non è per nulla di sinistra.

E non basta. A chi ha rimesso su Parmalat mille, duemila, cinquemila euro, non frega niente vedere in carcere il bancario che gli ha venduto le obbligazioni marce; gli importerebbe assai di più recuperare almeno in parte i soldi. Ecco, sarebbe stata questa la condanna “di sinistra” alla quale avremmo voluto vedere inchiodate le banche: colpevoli o non colpevoli che siate, consapevoli o ignare della truffa, tirate fuori i soldi e pagate; in dieci anni, ma pagate; rispettando Basilea 3, ma pagate. E magari, se non l’avete già fatto, licenziate tutta la filiera decisionale che ha coperto il buco di Parmalat: non promuovetela, com’è spesso accaduto! E invece c’è stata un’assoluzione di destra… o di fallimentare sinistra. Che fa lo stesso. E nessuna catarsi spontanea del sistema. Pronto per la prossima Parmalat...

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.