BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARIO/ 1. Pelanda: così l'Italia può evitare una nuova "catastrofe"

Pubblicazione:martedì 5 aprile 2011

Palazzo Koch, sede della Banca d'Italia (Foto Imagoeconomica) Palazzo Koch, sede della Banca d'Italia (Foto Imagoeconomica)

Qui, semplificando molto, c’è il rischio di caso peggiore detto sopra e la necessità urgente di trovare soluzioni. Opzioni: (a) imporre la regola che se un socio non ha soldi deve accettare la diluizione nel capitale sociale, aprendo l’azionariato a chi i soldi li ha; (b) accettare che più dividendi futuri vengano messi a riserva e non distribuiti tra i soci; (c) “fare sistema” e pretendere, garantendo nazionalmente la solidità bancaria, che al caso italiano venga riconosciuta una situazione migliore di quella in altri Paesi, come in realtà è, attutendo i tempi della ricapitalizzazione degli istituti, facilitandola senza impatti restrittivi sul credito. Io farei un po’ di tutte e tre le cose, cominciando dalla terza.

 

www.carlopelanda.com



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.