BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MUTUI/ Costo del denaro, stangata sui mutui a tasso variabile

Pubblicazione:giovedì 7 aprile 2011

Immagine d'archivio Immagine d'archivio

MUTUI AUMENTO DEL TASSO - Sale il costo del denaro. E' la prima volta dopo ben due anni e di conseguenza aumentano i mutui a tasso variabile. La stangata copiste le famiglie con un aumento deciso dalla Banca centrale Europea del tasso di interesse di riferimento all1,25%. Il tasso marginale sale al 2% e quello sui depositi allo 0,50%.  Non succedeva dal 7 maggio 2009. Allora l'Eurotower mandò il livello dei tassi al minimo storico all'1%.  Si trattava del settimo taglio consecutivo a partire dall'ottobre 2008, da quando l'Eurotower fu obbligato a fronteggiare i risultati della crisi finanziaria sulle prospettive di crescita di Eurolandia, con una rapida discesa dal 4,25% all'1%.

La decisione della Bce di alzare i tassi riflette le attuali condizioni molto accomodanti della politica monetaria. Lo ha detto il presidente della Banca centrale europea, Jean-Claude Trichet, spiegando che vi sono "rischi al rialzo per la stabilità dei prezzi". Il commento delle associazioni die consumatori è preoccupato. Si tratterebbe di una vera stangata per le famiglie italiane, dicono. Attualmente le famiglie italiane pagherebbero un mutuo a tasso variabile pari a 204 euro all'anno, 17 euro al mese.



  PAG. SUCC. >