BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

FEDERALISMO/ Stangata imposta trascrizione sull'automobile

La Gazzetta Ufficiale pubblica oggi il decreto legislativo sul fisco regionale e provinciale. Stangata in arrivo per gli automobilisti, cambia l'imposta provinciale di trascrizione

L'approvazione del federalismo fiscale in Parlamento, foto Ansa L'approvazione del federalismo fiscale in Parlamento, foto Ansa

FEDERALISMO TASSA IPT - La Gazzetta Ufficiale pubblica oggi il decreto legislativo sul fisco regionale e provinciale. E ci sono già polemiche per un decreto che in nome d una maggior libertà farà invece scattare aumenti che colpiranno i cittadini in modo indiscriminato.

Uno di questi aumenti riguarda tutti gli automobilisti, in quanto l'attuale ITP (Imposta provinciale di trascrizione) subirà un aumento. Fino a oggi infatti la tassa che si pagava quando si comprava  un'auto nuova o anche usata in un autosalone risultava al minimo previsto dell'imposta, cioè variabile da 151 a 196 euro a seconda delle province. Questo in base a un provvedimento detto "di favore" istituito nel 1998 dall'allora ministro Visco. Con la nuova legge sul federalismo, che entrerà in vigore il 27 maggio, invece tutti pagheranno come chi adesso acquista un'auto usata, e cioè in base alla potenza dichiarata del velivolo. Un esempio: per comprare una Golf di media cilindrata  bisognerà pagare in più  per effetto della nuova Ipt  73,5 euro. L'Ipt infatti cresce proporzionalmente al numero di chilowatt del motore della vettura stessa.  Per una utilitaria fino a 53 kw si continuerà a pagare secondo il modello Visco, altrimenti l'aumento previsto è di 3,5 euro in più per ogni kilowattore che supera quella soglia minima. Non è l'unico cambiamento previsto nel quinto decreto attuativo del federalismo fiscale. Su richiesta delle opposizioni e degli enti locali, verrà insediata una apposito aConferenza permanente per il coordinamento della finanza pubblica.