BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA/ Gli Usa preparano un nuovo “attacco” all’Europa

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Foto Imagoeconomica  Foto Imagoeconomica

Per Third way, «fare default sul nostro debito non è un’idea astratta che potrebbe colpire poche istituzioni di Wall Street: potrebbe minacciare decine di milioni di americani in modo profondo e di lungo periodo». E a confermare che la situazione è decisamente fluida e preoccupante ci hanno pensato gli hedge funds e gli speculatori che hanno tagliato le loro scommesse al rialzo sulle commodities per un controvalore pari a 17 miliardi di dollari la scorsa settimana, la più grossa inversione a u ribassista dal 2009, stando ai dati resi noti venerdì scorso dai regolatori. I cosiddetti
fondi “managed money£ hanno tagliato le loro posizioni long nette in 22 mercati futures dei Usa su 222mila contratti, pari al 13%, nei cinque giorni che hanno preceduto il 10 maggio scorso, come rileva la Reuters su calcoli resi pubblici dal bollettino settimanale della Commodities Futures Trading Commission.

I dati, basati sia su futures che su opzioni, confermano quindi che molti grossi fondi speculativi, advisors sul commercio di commodities e altre maggiori istituzioni speculative hanno pesantemente tagliato le loro esposizioni proprio nel corso della settimana che ha conosciuto un vero e proprio collasso dei prezzi, prima di porre in essere un modesto rimbalzo. La politica della Fed e la minaccia che presto anche i margini sui contratti futures sul petrolio potrebbero conoscere rialzi come quelli per l’argento hanno sgonfiato i prezzi della commodities, ma resta il problema enorme del debito e della sua gestione: se la risposta, come richiede Goldman Sachs, è quella di ulteriore politica monetaria espansiva, addio Stati Uniti.

Non per colpa del default, ma perchè questa volta la Cina alzerà la voce davvero prima che la bolla
esploda: dollaro scaricato dalle riserve e stesso destino per i T-Bills, ovvero il debito che Pechino detiene in quantità industriale insieme a quel Giappone che, a breve, farà lo stesso per pagare i costi della ricostruzione. Barack Obama e Ben Bernanke stanno decidendo il futuro degli Usa e forse del mondo in questi mesi: c’è poco da stare allegri. A meno che un bel casus belli, vero o presunto, non giunga in soccorso di Washington. Oppure che Dominque Strauss Kahn decida di uscire nudo dal bagno della sua stanza al Sofitel di New York e tenti di molestare la cameriera, facendosi arrestare alla vigilia dell’incontro decisivo con Angela Merkel per discutere del salvataggio della Grecia e dell’Ecofin, nei fatti gettando la situazione europea nel baratro e spingendo la Grecia verso il default, opzione che imporrebbe il salvataggio di tutte le banche elleniche oltre che di due francesi e due tedesche, esposte in maniera colossale al debito di Atene. Il dollaro, ovviamente, ringrazierà.

Tu guarda, a volte, i casi della vita. D’altronde, ve l’avevo detto la scorsa settimana: se Goldman Sachs, al contrario del mondo intero, aumenta la sua esposizione alle securities del Treasuries e si pone lunga sul debito Usa, vuol dire che un motivo per farlo c’è...



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
20/05/2011 - l'ignoranza è fondamentale (Vittorio Cionini)

Come lettore qualsiasi senza alcuna preparazione in campo economico finanziario sono perfettamente d'accordo con il sig. Siri. Ma mi rendo conto che in tutte le discipline i "sacerdoti" debbono esprimmersi in un linguaggio esoterico proprio per non farsi capire, altrimenti verrebbe a mancare il senso di soggezione e rispetto nei confronti dei saggi. Senza soggezione manca la fiducia cieca e la disponibilità ad essere turlupinati. Nel caso dell'economia e della finanza se le masse capissero come stanno effettivamente le cose non basterebbero gli alberi per appendervi tutti gli attori del circo della finanza internazionale. Fino al giorno in cui il re, uscendo dal bagno, appare nudo a una cameriera di albergo. Vittorio Cionini

 
17/05/2011 - L'utente medio non capisce questi articoli- E.Siri (emanuele siri)

Vorrei segnalare all'autore sicuramente competente e preparato che un utente medio, qual io mi ritengo, non riesce, a malincuore, a comprendere fino in fondo gli articoli dedicati alla finanza qui proposti. Alcuni termini tecnici di lingua inglese possono sicuramente essere sostituiti con quelli della nostra lingua e già sarebbe un grosso passo avanti. Altrimenti non ci vuole meno di un'ora per tradurre tutto con wikipedia... Grazie dell'attenzione.

 
17/05/2011 - Non ho capito (Leonardo Baggiani)

Non ho capito l'ultimo periodo, quello che si chiude con DSK nudo a rincorrere cameriere... Come può questo evento (tramite l'incontro per il salvataggio della Grecia) portare al salvataggio degli USA, puo' rispiegarlo?