BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ALITALIA/ Le rotte di Meridiana fanno gola anche a Lufthansa

Pubblicazione:

Foto Ansa  Foto Ansa

Per i passeggeri, i rischi di questa fusione sarebbero rappresentati da un aumento dei prezzi dovuto alla concentrazione. Tuttavia, se aumentassero più di tanto, si creerebbe uno spazio molto appetibile per le compagnie low cost. D’altra parte, se Alitalia e Meridiana non si unissero e incontrassero difficoltà potrebbero anche decidere di tagliare alcune rotte, riducendo i propri network. Per alcuni consumatori, questo potrebbe voler dire non avere più un collegamento che prima c’era. Dato che l’aumento dei prezzi, come visto prima, nel caso di Alitalia e AirOne non c’è stato, possiamo guardare alla fusione come a un male minore, rispetto all’idea che dei collegamenti (specie con le Isole) scompaiano.

Non potrebbero esserci problemi, in caso di fusione, nel gestire tre diversi marchi e, se in presenza di aeromobili molto eterogenei, una flotta variegata?

Guardando a quello che è successo all’estero con le ultime fusioni, quella tra Northwest e Delta (anche se stiamo parlando di colossi mondiali) è ricordata come la migliore e lì si è puntato su un solo marchio, Delta (Northwest è stato tolto dal mercato). Tutti gli aerei, quindi, hanno la livrea di Delta e questo è uno degli aspetti positivi della fusione, perché ha permesso di gestire al meglio le flotte combinate delle due compagnie. Se Alitalia e Meridiana avessero flotte molto diverse, dal punto di vista dei costi di manutenzione la fusione potrebbe comportare degli svantaggi, ma se si decidesse di usare un solo marchio si potrebbe anche scegliere il modello di aereo migliore per ogni singola rotta, senza preoccuparsi del marchio che ha. Quello dei marchi è senz’altro un punto importante e dal mio punto di vista o si dà a ciascuno di essi una forte caratterizzazione oppure, in caso di fusione, è meglio passare a uno solo.

Una compagnia straniera potrebbe essere interessata a Meridiana?

Non è un’ipotesi così peregrina, perché Meridiana ha un network di nicchia che potrebbe far gola a qualche vettore estero. Sebbene i collegamenti con le Isole soffrano la stagionalità, sono (almeno fino a questo momento) anche tra i meno soggetti alla competizione. Questo potrebbe interessare le compagnie straniere, specialmente quelle che hanno già un interesse in Italia.

In questi mesi è circolato, oltre a quello di Alitalia, anche il nome di Lufthansa quale possibile acquirente di Meridiana. Ritiene che sia un’ipotesi plausibile?


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >


COMMENTI
05/05/2011 - Alitalia non fa rma con ironia... (fabio scaccia)

.....semmai con altre parole,di uso molto più comune nel codice penale.La cosa sorprendente però non è che qualcuno abbia ancora voglia di scherzare sulla vicenda, ma che tutti i paladini del libero mercato si siano squagliati come neve al sole. E così, dopo che banca intesa e i suoi soci (o seguaci)hanno scaricato miliardi di euro di debiti sul nostro groppone, adesso alitalia -cai sta stretta al passerotto comasco? Chi ha fatto i cocci se li tenga e li rimetta insieme, se ne è capace. Oppure lasci ma rimetta il maltolto (anche perchè fantantonio è andato al milan, ma a bruxselles ha cambiato ufficio...)