BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA/ 1. Ecco perché Wall Street vuol scaricare Obama

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Foto Ansa  Foto Ansa

I segnali, in effetti, da settimane si sprecano. Prima la lettera inviata al segretario al Tesoro, Timothy Garthner, dall’ad di JP Morgan, Matthew Zames, a nome delle principali istituzioni bancarie Usa riunite nel Treasury Borrowing Advisory Committee, per mettere in guardia da un rischio di default causato dal mancato innalzamento limite di debito, avvertendo che anche un breve ritardo nel pagamento di un interesse o una cedola potrebbe avere effetti devastanti per i mercati finanziari. Poi la minaccia di John Noehner, speaker repubblicano alla House of Representatives, secondo cui «se il presidente non diventa serio sulla necessità di affrontare il tema del nostro incubo fiscale, c’è la possibilità che un voto (sull’innalzamento del tetto di debito, ndr) possa non esserci».

Alcuni analisti del budget a Washington pensano che il compromesso potrebbe nascere sulla base di un’estensione a breve termine del debito che non contempli aumenti superiori ai 1000 miliardi di dollari, ma i Repubblicani alla House, su montante pressione proveniente proprio da Wall Street, potrebbero resistere a questa ipotesi, dando battaglia sui dettagli. Infine, il messaggio non interpretabile da parte dei manager di hedge funds, gli stessi che nel 2008 raccolsero milioni di dollari per la campagna di Barack Obama. Come Daniel Loeb, fondatore della Third Point LLC, il quale dall’insediamento del Presidente a oggi ha donato 468mila dollari ai Repubblicani e solo 8mila ai Democratici.

Il perché appare chiaro, almeno a New York: Wall Street sta reagendo alle attacchi populisti di Obama contro la finanza (leggasi la frase che pronunciò in occasione del salvataggio di Chrysler, «Non sto al fianco di chi vuole far pagare solo a voi contribuenti il prezzo della crisi») e all’intenzione di innalzare le tasse, ovvero il piano di presidente e Democratici per porre termine all’era dell’aliquota del 15% di capital gains su parte dello stipendio per i manager di fondi speculativi e di equity. L’iniziativa fallì perché faceva parte di un progetto di legge più ampio che fu bocciato e ora è da ritenersi lettera morta, visto il controllo repubblicano della House of Representatives: stranamente, l’emendamento che inseriva la norma fu presentato dal senatore democratico di New York, Charles Schumer, il quale ancora nel 2010 riuscì a ottenere 500mila dollari di finanziamenti da manager di fondi per il mid-term.

Nel 2008, Barack Obama ottenne qualcosa come 750 milioni di dollari di donazioni e i suoi strateghi puntavano a 1 miliardo per la campagna della rielezione: difficile, visto che oltre a Wall Street, anche gli attivisti liberali e ambientalisti hanno minacciato diserzioni, poiché delusi dal poco vigore di Obama nel mantenere le promesse. Storicamente, poi, i Democratici negli ultimi vent’anni si sono sempre accaparrati la parte più consistente delle donazioni da parte degli hedge funds: dal 1990 al 2008, stando ai dati del Center for Responsive Politics, i manager di fondi speculativi e il loro dipendenti hanno contribuito con 40 milioni di dollari per i candidati al Congresso e alla presidenza, due terzi dei quali finiti ai Democratici.



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >