BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

TREMONTI/ “Nessuna riforma fiscale in deficit” - L’intervento al convegno dei giovani di Confindustria

Le parole del ministro dell’Economia, ancora una volta, sembra che siano state pronunciate per smentire  alcune dichiarazioni fatte in precedenza dal premier Berlusconi.

Foto Ansa Foto Ansa

GIOVANI DI CONFINDUSTRIA – L’INTERVENTO DI TREMONTI - Ancora una volta il ministro dell’Economia Giulio Tremonti sembra aver parlato con l’intenzione di smentire il premier Berlusconi. Il suo intervento al convegno dei giovani di Confindustria, a Santa Margherita Ligure era il più atteso. E, affrontando il tema della riforma fiscale, ha frenato ogni entusiasmo. «Sulla questione fiscale la vedo un po' così: abbiamo alcuni vincoli, il primo è il bilancio. Non possiamo fare riforme in deficit, non possiamo fare una riforma che crea deficit», ha detto, sostenendo una posizione contraria rispetto a quella di Berlusconi convinto, invece, che la riforma si potrà fare entro l’estate. «Dobbiamo trovare i soldi senza scassare i conti perché ciò porterebbe ad aumentare le tasse» ha spiegato il titolare dell’Economia . «Io - ha aggiunto - sono un po' all'antica, non ho intenzione di tassare la prima casa e il risparmio delle famiglie». In ogni caso, l’eventuale riduzione fiscale si potrebbe fare attingendo all’«enorme serbatoio» rappresentato dai proventi della lotta all’evasione. Ragionando sulla crisi, ha pronunciato parole tutt’altro che confortevoli. «I fattori di instabilità che si sono manifestati 3-4 anni fa sono tutti in essere. La crisi non è finita. Il tempo della prudenza non è finito», ha detto. «Le masse dei derivati sono come prima, le regole sono state una colossale presa in giro per spiazzare i governi».