BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

FINANZA/ Così la Germania "sogna" la fine di euro e Bce

Foto Ansa Foto Ansa

Insomma, i grossi rischi sul debito sono stati trasferiti dai governi e dalle banche ai libri della Bce, la cui garanzia ultima sono i contribuenti, ma se per caso la Grecia decidesse di ristrutturare metà del suo debito - quanto occorre per portalo a livelli sostenibili - la Bce andrebbe incontro a perdite tra i 44,5 e i 65,8 miliardi di euro sui bond governativi che ha acquistato e sul collaterale che sta detenendo dalle banche elleniche. Questo equivale a una percentuale tra il 2,35% e il 3,47%, quindi molto vicino a quel fatidico 4,25% citato in precedenza che significa erosione totale del capitale di base e insolvenza, ma soprattutto lo spostamento al rialzo dell’asticella della leva a cui è esposta la Bce verso la ratio astronomica che varia tra 52 a 1 e 123 a 1 nello scenario peggiore.

Con un rapporto di leva 30 a 1 Lehman Brothers è andata gambe all’aria, quindi nemmeno se la moglie di Trichet fosse a capo contemporaneamente di Standard&Poor’s, Fitch e Moody’s, queste agenzie si asterrebbero dal dichiarare il default della Bce. Salvare la Grecia ci costerà l’Europa? È molto probabile, anche perché questa è l’intenzione tedesca: a Berlino sanno che il cancro è ormai in fase avanzata, le metastasi estese ad almeno tre paesi e in continuo peggioramento. Meglio chiudere con l’accanimento terapeutico, pagare il conto facendo piangere anche i creditori privati per risparmiare qualche miliardo di euro e ripartire con un’Europa a due velocità, ricostruendo sulle macerie.

D’altronde, era il 2005 quando la Deutsche Bank avvertì i suoi investitori più importanti attraverso un report, del fatto che il default di un paese dell’Ue avrebbe mandato in frantumi l’eurozona nel 2010. Quando lo scrissi sul settimanale Tempi, qualcuno voleva disporre per me un trattamento sanitario obbligatorio: chissà cosa pensa ora?

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
09/06/2011 - traballa la Bce con la grecia ? (antonio petrina)

Rebus sic stantibus, sarà meglio che il neo governatore della Bce prenda lui i provvedimenti del caso e se poi fallire non è morire ... così è ,se vi pare!