BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA/ Nuovo record per spread tra Btp e Bund. Ma sale anche per Spagna e Francia

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Foto Ansa  Foto Ansa

In queste ore l’Italia finanziaria sembra finita sotto il fuoco di un imperioso attacco speculativo. Dopo il venerdì nero in Borsa e il varo delle nuove norme Consob sulle vendite allo scoperto, Piazza Affari resta comunque in rosso con un -3%. Non è però più tranquilla la situazione altrove in Europa, dato che Francoforte perde l’1,5%, Parigi segna un -2% e Madrid arriva al -2,8%.

Forti preoccupazioni si hanno comunque relativamente allo spread tra Btp e Bund, ovvero alla differenza di rendimento tra i titoli di stato decennali italiani e quelli tedeschi. Venerdì era stata superata la soglia dei 250 punti base, ma già nella giornata di oggi si è arrivati ben oltre, con il sorpasso di quota 280. Si tratta del massimo storico da quando esiste l’euro e di un aumento del 15% rispetto al livello di apertura in mattinata. Se le cose non dovessero migliorare, nel giro di poco tempo si potrebbe anche superare la soglia dei 300 punti base.

Anche per quel che riguarda lo spread con i titoli tedeschi (considerati da sempre i più affidabili dell’Ue) gli altri paesi europei non se la passano certo meglio dell’Italia, segnale forse eloquente di quanto sia necessaria una regia europea per contrastare questa situazione, specie con la crisi greca che si fa sempre più grave. I titoli di stato decennali della Spagna, infatti, hanno superato la soglia dei 300 punti base rispetto ai Bund, mentre quelli della Francia hanno superato quota 62 punti base. 


  PAG. SUCC. >


COMMENTI
11/07/2011 - Catastrofisti o(sfogo delle 16 del 11 luglio 2011) (Diego Perna)

I catastrofisti prima o poi ci azzeccano. Purtroppo. Chissà forse è colpa loro,oppure valutando tanti dati e provando ad essere realisti, lo potevano prevedere anche i non catastrofisti. Speriamo che passa, qualsiasi azione è tardiva. Io le borse le abolirei definitivamente, anzi no, valuterei solo titoli che siano legati in qualche modo al lavoro fisico, (anche intellettuale) ricchezza reale non derivati e minc....te del genere che arricchiscono solo pochi e affossano tutti il resto!