BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

DIRETTA ABI/ Tremonti, segui in streaming l’intervento del ministro dell'Economia

Segui in diretta streaming su Corriere.it l'intervento del ministro dell'Economia Giulio Tremonti all'assemblea dell'Associazione delle banche italiane. 

Foto ImagoeconomicaFoto Imagoeconomica

«Nella vita dell’Europa vedo due fasi: c’è stata una fase eroica politica, e poi una economica. Tutte e due hanno registrato un’involuzione negativa». Così il ministro dell’Economia Giulio Tremonti ha esordito nel suo intervento di fronte all’assemblea dell’Abi, l’associazione della Banche Italiane. «Nel tempo presente – ha aggiunto -, oggi, credo sia in discussione non un paese, non un mercato, ma l’idea stessa dell’Europa. Cos’è, dove va?. Il fattore più critico è la fiducia. Cos’è questa architettura politica, in che termini opera e agisce?». Prima di lui, ha parlato il governatore della Banca d’Italia, che presto assumerà la carica di presidente della Bce, Mario Draghi, accolto da un’ovazione all’assemblea dell’Abi. Il governatore si è detto convinto che l’Italia, nonostante la crisi e la turbolenza dei mercati finanziari, possa farcela. In particolare ha definito la manovra del governo un passo importante nel processo di risanamento dei conti pubblici. Draghi, poi, ha sottolineato come quest’anno, secondo le stime, avremo un surplus primario significativo mentre l’anno prossimo, il nostro Paese sarà quello con la crescita più alta nell’area dell’Euro. Tuttavia, ha fatto presente, se non si effettueranno quei correttivi necessari a incidere su altre voci di spesa, questo si tramuterà automaticamente in un aumento delle imposte. In precedenza, è intervenuto il presidente dell’associazione bancaria, Giuseppe Mussari, che ha rassicurato sulla tenuta e sulla solidità del sistema creditizio italiano, non nascondendo le preoccupazioni per la turbolenta situazione dei mercati finanziari di questi giorni: «negli ultimi giorni il differenziale Btp-Bund ha anche oltrepassato i 320 punti base, come non era mai accaduto dopo la creazione della moneta unica», ha detto, precisando come si tratti di «un grave segnale nonostante il nostro Paese sia stato capace di controllare i flussi di finanza pubblica meglio di altri»

LA DIRETTA DI CORRIERE.IT SULL’INTERVENTO DI TREMONTI