BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

INTESA SAN PAOLO/ Il risparmio delle famiglie è il 180% del Pil. Meglio di noi solo gli inglesi

Gli italiani sono  dei grandi risparmiatori. Questo già si sapeva, ma uno studio di Banca Intesa Sanpaolo ha conferito scientificità a questa sorta di conoscenza popolare. 

Fotolia Fotolia

IL RISPARMIO DELI ITALIANI - Gli italiani sono  dei grandi risparmiatori. Questo già si sapeva, ma uno studio di Banca Intesa Sanpaolo e del Centro di ricerca e documentazione Luigi Einaudi  ha conferito scientificità a questa sorta di conoscenza popolare. Secondo quanto riferito da Andrea Beltratti, presidente del consiglio di gestione dell’istituto torinese, nel presentare la ricerca, il risparmio delle famiglie italiane si attesta sui 2.570 miliardi, corrispondenti al 180% del Pil. Fanno meglio di noi solamente Gran Bretagna, con 2.910 miliardi, e gli Usa, con 2.930 miliardi. Restano indietro Francia, con 2.010 miliardi, Germania, con 1.980 e Spagna, con 970. Tuttavia, il risparmio è rosicato dagli effetti della crisi e dagli andamenti altalenanti della Borsa che, nel 2011, ha fatto perdere 18 miliardi. «Il dato è teorico – sottolinea Gregorio De Felice, chief economist di Intesa Sanpaolo -, ma quella sarebbe la perdita rispetto al primo gennaio delle famiglie italiane se ritirassero ora tutte le loro obbligazioni». Inoltre, benché il risparmio storico complessivo sia estremamente elevato, quello accumulato nel presente è estremamente baso. Nel 2010, in particolare, ben il 52,8% delle famiglie non è stata in grado di accantonare alcunché, dato che al sud sale al 67,6%. Un clima di sfiducia provocato dall’incertezza economica che si è abbattuto sul mercato azionario, con solo il 12,5% degli intervistati.