BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

FINANZA/ Ecco la “maledizione” che lascia l’Italia in balia della crisi

Foto Ansa Foto Ansa

Gli Stati Uniti, nel tentativo di trovare una soluzione esterna al problema dell’eccessivo debito (il braccio di ferro tra i Repubblicani che non vogliono tasse sui ricchi e la Casa Bianca che cerca di difendere il welfare rende impossibile per ora una soluzione interna), continuano a sostenere una liquidità sovrabbondante che finisce con il creare forti squilibri un po’ in tutti i mercati.

In assenza di una soluzione al problema del debito, la crisi, che ha ormai compiuto i cinque anni di vita, è destinata a colpire i tanti squilibri finanziari accumulati con la logica di Wimpy, ovvero consumo oggi e pago poi. L’Europa a 17, in particolare, è una ricca preda perché, rispetto agli Usa, è fatta di tante unità distinte.

È molto difficile attaccare il New Jersey o la California, per citare Stati che presentano conti non migliori della Grecia, perché davanti a loro c’è il formidabile scudo federale. Assai più agevole colpire l’Europa che marcia in ordine sparso. Soprattutto quando, come nel caso dell’Italia, il caos politico assume i contorni del suicidio, come è avvenuto nelle passate settimane.

Ma, una volta passate le smanie suicide, restano i problemi di fondo: l’Europa, se non fa un passo in avanti sulla strada dell’unità (il che significa mettere in comune una parte delle riserve sotto forma di eurobond, mettendo il debito sovrano in sicurezza), è una preda facile. L’Italia, finché non mette in cima all’agenda il problema della crescita, che si accompagna alla richiesta di una maggior equità tra le generazioni, le classi sociali, i contribuenti che pagano le tasse e quelli che riscuotono le sovvenzioni, è un bersaglio più facile ancora, condannato a un supplizio di Tantalo: ogni tanto, sotto l’incombere dell’emergenza ci vengono chiesti sforzi eroici per colmare i “buchi”. Ma, in assenza di scelte che favoriscano il lavoro e la condivisione di una ricchezza che è molto minore di quella “gonfiata” che emerge da valori immobiliari solo sulla carta (per non parlare di obbligazioni e altri titoli non rappresentativi di beni reali), è facile che il buco si ricrei.

Come sta capitando in questi giorni: l’aumento dei rendimenti dei titoli di Stato equivale, per il Tesoro, ad aver bruciato in interessi metà della Finanziaria ancor prima della sua approvazione. Colpa della speculazione? Si sa, i bambini, quando inciampano e si fanno male, danno la colpa al marciapiede. Ma a un certo punto è necessario crescere. E magari prendersela con tutte le categorie che già protestano per difendere i famosi “diritti acquisiti” che, in tempi di crisi così drammatica, non sono affatto acquisiti, né garantiti.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
16/07/2011 - Finchè non ci si sbatte (Diego Perna)

La situazione economica attuale era già prevedibile da due anni, forse di più.Il ns governo del fare ( dire lettere e testamento)ha sempre e in più occasioni ripetuto che stavamo meglio degli altri paesi, ( pur con la moria di aziende continua, che per giustificarne la scomparsa, si è sempre detto fossero obsolete e mal gestite, non innovavano o erano decotte per conto loro, gente che aveva costruito imprese in generazioni) e che la crisi era alle spalle ecc. ecc. Intanto i ns politici si pagavano e continuano anche oggi a farlo, alberghi ristoranti e auto di gran lusso, fanno jogging o frequentano saloni di bellezza alla moda, insomma fanno la bella vita, a prescindere. Spero sempre di aver torto, ma queste cose del Titanic ,io le dicevo, nessuno tra i nessuno, già a Luglio 2009, perchè i primi a bagnarsi i piedi, mentre i ricchi ballavano e sorseggiavano champagne tra pizzi e merletti, erano i macchinisti, cioè chi per vivere un pò o molto fatica ( sempre che abbia un lavoro)ed è retribuito o guadagna quanto gli è sufficiente a vivere. Chi invece ha in tasca molti soldi, non vede gli iceberg se non ci sbatte prima il muso. Credo che la spiegazione sia questa, hai voglia a credere che ci siano dei geni, nei "saloni del ballo", non è così e ne stiamo vedendo i risultati. Cari amici, ditemi che sbaglio, ve ne sarei grato. Buona serata e buona fortuna a tutti. P.S C'è sempre il detto: non tutti i mali vengono per nuocere. Chissà.

 
15/07/2011 - in svendita (Fabrizio Terruzzi)

e proseguendo con provvedimenti tappabuchi senza una visione strategica sull'intera economica e sul "sistema paese" presto le nostre migliori aziende saranno facile preda a prezzi di saldo.

 
15/07/2011 - diritti acquisiti (Maurizio Brivio)

ma cosa sono questi diritti acquisiti?