BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA/ Deaglio: l’Italia stretta tra “piano B” tedesco e “suicidio” Usa

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Foto Ansa  Foto Ansa

Credo che per il momento non ci sia nulla da fare: c’è solo da aspettare. I mercati hanno già i loro problemi e tra poco si presenteranno quelli del dollaro. La situazione è molto indefinita, siamo tutti nella nebbia, per cui è bene stare a vedere quello che succederà.

 

Si sta tornando a parlare di eurobond quale soluzione ai problemi dell’eurozona. Lei pensa che questa sia una strada percorribile?

 

Da un punto di vista tecnico sì. C’è però un problema politico: creare gli eurobond vuol dire, per gli stati nazionali, perdere parte del controllo delle finanze pubbliche. Non sarebbero più loro a emettere parte del debito, ma un ente centrale che agirebbe secondo parametri di carattere “europeo” e non più nazionale. Se finora siamo passati da posizioni nazionali totalmente indipendenti (nei limiti del Patto di stabilità) al coordinamento delle finanziarie, che ha dato qualche frutto, ora, data la situazione, è chiaro che questo coordinamento dal centro deve dare origine a un’autorità finanziaria indipendente dai governi nazionali.

 

Lei prima ha accennato ai problemi del dollaro. Gli Stati Uniti, in effetti, rischiano il default. Quali sarebbero le conseguenze del fallimento della prima economia mondiale?

 

Chi ha dei titoli in dollari non verrà più rimborsato. Avremmo una situazione di caos sui mercati in cui nessuno vorrà più il dollaro, forse con una sua sospensione dalle quotazioni monetarie. Probabilmente il mercato stesso delle valute verrebbe molto limitato da diversi controlli. Se si giungesse a questa situazione, poi, non è da escludere la nascita di una nuova unità monetaria internazionale (come vorrebbe la Cina) in cui ci sarebbero altre monete base oltre al dollaro. In ogni caso, se mai gli americani arrivassero a questo “suicidio” finanziario causerebbero danni gravi a tutti, ma gli altri si riprenderebbero prima di loro.

 

Secondo lei, Obama raggiungerà un accordo con i Repubblicani per evitare questa situazione?


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >


COMMENTI
21/07/2011 - richiesta agli autori (francesco taddei)

potreste spiegare meglio la strategia della Cina riguardo a "una nuova unità monetaria internazionale", in che consiste e quali paesi ne sarebbero avvantaggiati e quali svantaggiati? grazie.