BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

BORSA/ Piazza Affari maglia nera d’Europa. Pesa il timore di default Usa

Piazza affari la peggiore d’Europa. Il timore di default Usa e l’abbassamento del rating greco hanno condizionato i mercati italiani al punto da provocare un crollo dell’Ftse Mib del 2,47%.

Foto: Imagoeconomica Foto: Imagoeconomica

IL CROLLO DI PIAZZA AFFARI - Piazza affari la peggiore d’Europa. Il timore di default Usa ha condizionato i mercati italiani al punto da provocare un crollo dell’Ftse Mib del 2,47%. Male, quindi, i bancari, con Banco Popolare che realizza la performance peggiore della giornata cedendo il 7,43% a 1,433 euro. Tonfo anche per Intesa Sanpaolo, a -8,33%) e Ubi Banca (-7,41%). Non va meglio Bpm (-8,31%),mentre Mps lascia il 7,62% e così come Unicredit. Il mancato accordo tra democratici e repubblicani sullo spostamento del limite legale del debito Usa non è l’unico fattore di disturbo dei mercati; a pesare, anche l’ulteriore declassamento, da parte di Moody’s del rating greco: tre livelli in meno, un solo gradino sopra la soglia di Default. Fattori che, tuttavia, non hanno scosso solamente i mercati nostrani, ma tutti i principali indici europei.  L’Fts 100 di Londra chiude a -,0,16%, Il Cac 40 di Parigi a -0,77% e mentre  Madrid, addirittura, segna un  -1,92%; leggermente meglio Amsterdam a -0,39%. L’assenza di fiducia e la situazione di incertezza, intanto, hanno provocato l’ennesima impennata dell'oro - sul quale gli investitori puntano come bene rifugio – che è salito dello 0,9% raggiungendo i 1.616,50 dollari l'oncia.