BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BORSA/ Piazza Affari in picchiata. Nessun accordo sul debito Usa

Pubblicazione:

Foto: Imagoeconomica  Foto: Imagoeconomica

PIAZZA AFFARI IN CADUTA LIBERA - La paura che gli Usa possano fare default fa tremare la borsa italiana, che amplia il trend discendente inaugurato in apertura. L’FtseMib di Piazza Affari viaggia, infatti, a -2,1% a 18.635 punti. I timori di insolvenza americana e la possibilità che il rating massimo AAA sia declassato gravano sul settore bancario, con Intesa Sanpaolo (-4,53%) e Ubi (-4,93%) che si attestano al livello più basso del comparto. Male anche Unicredit (-3,91%) Banco Popolare (-3,91%), Mediobanca (-3,57%) e Bpm (-1,64%). Tonfi analoghi per gli assicurativi con Fonsai al -2,37% e Generali al -2,67%. Pochi i titoli in rialzo, ma con percentuali degne di nota: Impregilo (+4,02%), Italcementi (+2,86%) e Luxottica (+1,02%). Nel frattempo, il Tesoro chiude l’asta di Btp decennali a 942,4 milioni, con un rendimento lordo annuale del 4,07%, calcolato sull’inflazione dell’area euro. Lo spread tra Btp decennali italiani e i Bund tedeschi ha superato i 300 punti, toccando, al massimo, quota 313 punti. Manca, intanto, meno di una settimana alla scadenza del 2 agosto, termine ultimo entro il quale alzare il limite legale, ed emettere i titoli con i quali pagare pensioni, stipendi statali e cedole su titoli di Stato già in corso. 



  PAG. SUCC. >