BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

FINANZA/ 1. Forte: ecco l’errore di Tremonti che lascia in pericolo l’Italia

Il Tesoro ha deciso di annullare l’asta di Btp a medio-lungo termine di metà agosto. Per FRANCESCO FORTE Tremonti nel farlo ha però commesso un errore

Giulio Tremonti (Foto Imagoeconomica) Giulio Tremonti (Foto Imagoeconomica)

La notizia è arrivata nel tardo pomeriggio di lunedì: il ministero dell’Economia ha deciso di non tenere le aste dei titoli di stato a medio-lungo termine di metà agosto. La ragione che viene addotta è che esiste un’ampia “disponibilità di cassa” e che vi sono “ridotte esigenze di finanziamento”. «In effetti - ci spiega Francesco Forte, economista ed ex ministro delle Finanze - ad agosto in cassa arrivano i flussi dell’autotassazione di luglio».

 

Ci spiega che cosa sono?

 

Si tratta dei conguagli delle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche e dei versamenti delle imprese. Entrate che una volta inducevano a non tenere aste di titoli di Stato ad agosto, ma poi si è deciso di farle per “spalmare” meglio il collocamento nel corso dell’anno. Presumo che quest’anno questa liquidità sia stata particolarmente abbondante, perché le entrate hanno una dinamica crescente, soprattutto quando aumenta il tasso di inflazione, che fa salire anche retribuzioni e redditi. Ad ogni modo, il fatto che quest’anno si preferisca saltare l’asta di agosto può essere interpretato in due modi.

 

Quali?

 

Il primo è che il nostro bilancio vada meglio rispetto a quel che si crede e che il rapporto deficit/Pil sia già arrivato intorno al 3%. Il secondo è che il Tesoro non voglia andare incontro a un giudizio dei mercati in un periodo turbolento causato dalle incertezze sul dollaro. Io propendo per la prima ipotesi, anche se non mi dispiacerebbe che il ministero intervenisse per chiarire la situazione.

 

In che modo?


COMMENTI
27/07/2011 - dimenticanza (giovanni luig zerbato)

si è dimenticato l' itaglia disastrata dall'amico craxi e continuata dall'incompetenza del bunga bunga. Gianni Z.