BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA/ 2. Così la manovra lascia l'Italia schiacciata tra S&P's e Grecia

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Foto Imagoeconomica  Foto Imagoeconomica

Quasi in parallelo, il Parlamento della Repubblica Ellenica e il Consiglio dei Ministri della Repubblica Italiana hanno approvato due manovre di politica economica che si estendono su un arco di quattro anni.

L’entità delle due manovre è simile: 64 miliardi di euro (di cui 50 di privatizzazioni) quella varata dalla Grecia, 47 miliardi (principalmente di tagli alla spesa) quella approvata dall’Italia. Differente la scansione temporale: la manovra greca deve essere in gran misura effettuata nei prossimi 18 mesi (per non perdere i 120 miliardi di euro di fresh money, ossia di aiuti, essenziali per evitare l’insolvenza); 35-40 miliardi della manovra italiana sono progettati per la prossima legislatura.

Quindi, timing e contenuti (ad esempio, il mancato rilancio delle privatizzazioni in Italia) appaiono molto differenti. Eppure c’è un nesso forte tra le due manovre parallele. E, soprattutto, il paradosso che gli esiti dell’ammalato in relativa migliore salute (l’Italia) dipendono in gran misure dalle mosse dell’ammalato che pare quasi terminale (la Grecia). Vediamo perché.

In mercati aperti (vi ricordate dell’estate 1992?) i capitali volano rapidamente da una piazza all’altra: 19 anni fa, danesi e britannici voltarono le spalle al progetto di unione monetaria, ma l’Italia ne fu il Paese più colpito, perché l’intero progetto sembrava sul punto di un fallimento e Roma veniva, a torto o ragione, percepita come l’anello più fragile, quello che sarebbe stato ulteriormente indebolito dall’accantonamento o rinvio dell’unione monetaria.

All’indomani del varo del programma quadriennale di stabilità del Governo italiano, Standard & Poor's ha annunciato di avere messo sotto osservazione il rating, ossia la classificazione della qualità dei titoli pubblici italiani. Moody’s ha già abbassato nei giorni scorsi quella delle obbligazioni di una lunga lista di enti locali. In breve, o per i suoi contenuti o per il suo timing o per pregiudizi nei confronti dell’Italia, il programma non ha oggettivamente rassicurato i mercati. Può essere che li abbia delusi, come scrivono alcuni commentatori.

Che c’entra tutto questo con la Grecia? Le banche e gli investitori istituzionali italiani - lo sappiamo - detengono una parte minuta del debito pubblico greco (300 miliardi di euro rispetto ai nostri 1900 miliardi). Ma il contagio non si trasmette soltanto dormendo nello stesso letto. Si trasmette se crollato un birillo piccolo (la Danimarca nel 1992, mentre allora la Gran Bretagna era essenzialmente un birillo titubante), un birillo più grande ma dai piedi d’argilla comincia a sgretolarsi. Nel caso delle manovre parallele, se quella greca va a gambe all’aria, nell’eurozona ci sarà un tormentone che, a torto o a ragione, si accanirà contro chi ha il terzo debito pubblico più alto al mondo.



  PAG. SUCC. >