BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

FINANZA/ 1. Pelanda: da Londra e Usa l’attacco all’Italia che spaventa l’euro

Foto AnsaFoto Ansa

Chi ha interesse a farlo? In teoria, l’America e il sistema finanziario statunitensi sono preoccupati dal fatto che il dollaro stia perdendo credibilità come moneta di riferimento mondiale. Un deflusso globale dal dollaro ucciderebbe l’economia statunitense (e il mercato globale per implosione della sua locomotiva). Se l’euro andasse in crisi, non necessariamente fino alla sua dissoluzione, il mercato dovrebbe restare sul dollaro, pur debole, perché l’euro sarebbe valutato ancor più debole e altre alternative non ce ne sono (Franco svizzero, oro, ecc. sono di dimensioni troppo piccole per ricevere i flussi globali di capitale, lo yen è minato dal debito e lo yuan cinese non affidabile).

Quindi dalla crisi dell’euro guadagnerebbero dollaro e sterlina, la seconda di più e con essa la piazza finanziaria di Londra. Andrei a cercare in quei dintorni. A questi movimenti strategici, poi, aggiungerei altri speculativi più specifici. Certamente qualcuno sta cavalcando l’ondata ribassista sull’Italia per poi poter comprare a prezzi di saldo importanti aziende nazionali. Ma tale speculazione è normale.

Cosa fare? Poiché l’attacco è all’euro, l’Italia può fare poco, anche se deve dimostrare di avere un governo solido e capace. Ma Ue e Bce possono fare tantissimo. Se dimostrano subito la volontà di aumentare il fondo di garanzia solidale per gli eurodebiti l’attacco contro l’Italia perderà forza.

 

www.carlopelanda.com

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
01/08/2011 - complotti (francesco scifo)

Certamente una parte di verità ci sarà in questa ricostruzione complottistica. Tuttavia, se si vuole proseguire sulla via delle ipotesi, vorrei suggerire anche di tenere d'occhio la volontà franco tedesca di ridurre l'area euro. E' l'anarchia dell'attuale sistema decisionale europeo che causa la debolezza del sistema e non può durare. Se ci sono complotti essi esistono e prosperano su un ambiente di coltura favorevole: il rimedio per il funzionamento dell'euro può essere solo una sola politica fiscale comune, una sola disciplina giuridica delle persone fisiche e delle società, una sola politica giudiziaria, un solo parlamento democraticamente eletto e con poteri adeguati ad uno Stato. Tutto il resto ci porterà solo confusione e, quindi, crisi economica e, da ultimo,temo, ad un euro ridotto a Francia e Germania.