BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

BORSA/ Scatta il divieto di vendite allo scoperto (short). Ecco l’elenco delle azioni interessate sulla Borsa italiana

È scattato anche in Italia, dopo Belgio, Francia e Spagna, lo stop alle vendite allo scoperto, che però riguarderà alcune e non tutte le azioni di Piazza Affari per 15 giorni

Piazza Affari (Foto Imagoeconomica)Piazza Affari (Foto Imagoeconomica)

È scattato anche in Italia, dopo Belgio, Francia e Spagna, lo stop alle vendite allo scoperto, che però riguarderà alcune e non tutte le azioni di Piazza Affari, ma quelle del settore bancario e assicurativo, che recentemente sono effettivamente stato oggetto di molte vendite, e che durerà quindici giorni a partire da oggi.

Ecco quali sono i titoli che la Consob ha deciso di “tutelare” sulla Borsa italiana: Azimut Holding, Banca Carige, Banca Finnat, Banca Generali, Banca Ifis, Banca Intermobiliare, Banca Monte Paschi Siena, Banca Popolare Emilia Romagna, Banca Popolare Etruria e Lazio, Banca Popolare Milano, Banca Popolare Sondrio, Banca Profilo, Banco di Desio e Brianza, Banco di Sardegna Rsp, Banco Popolare, Cattolica Assicurazioni, Credito Artigiano, Credito Emiliano, Credito Valtellinese, Fondiaria - Sai, Generali, Intesa Sanpaolo, Mediobanca, Mediolanum, Milano Assicurazioni, Ubi Banca, Unicredit, Unipol e Vittoria Assicurazioni

Su queste azioni la Consob ha stabilito a persone fisiche, persone giuridiche e altri soggetti giuridici, sia italiani che esteri, il divieto di assumere posizioni short, oppure di incrementarle, anche se intraday.