BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

FINANZA/ 2. E ora l’Italia finisce anche nel mirino della Germania

Foto Imagoeconomica Foto Imagoeconomica

Ma come, nel giorno della scampata Apocalisse, si comprano beni rifugio come i Bund e non ci si lascia andare ad atteggiamenti di investimento più “da toro”? I mercati, si sa, a differenza della politica, non perdono tempo in chiacchiere e, soprattutto, non hanno le fette di salame sugli occhi. Dagli a Italia e Spagna, quindi! La Germania cambierà atteggiamento? Ma come potete sperarlo, visto che la principale speculatrice sull’Italia è proprio Berlino!

Deutsche Bank, attraverso il suo trading desk londinese, non solo ha scaricato la quasi totalità della sua esposizione al debito pubblico italiano, passata da 8 miliardi di euro a meno di 1, esattamente 997 milioni, ma, a fronte della vendita dei nostri titoli di debito, ha provveduto a comprare credit default swaps (cds) italiani per proteggersi dal rischio-Paese.

In parole molto povere, siamo sotto attacco speculativo dei nostri partner europei: l’atteggiamento di Deutsche Bank, da questo punto di vista, appare quindi ancora più sfacciato, poiché a fronte di una riduzione quasi totale della sua detenzione di debito italiano, fa incetta di credit default swaps. È un po’ come se il vostro vicino di casa stipulasse un’assicurazione sulla vostra abitazione o sulla vostra macchina: voi farete di tutto per preservare i due beni e rendere il contratto soltanto una garanzia precauzionale, mentre lui potrebbe avere tutto da guadagnare a incendiarvi la casa o rubarvi la macchina per intascare il premio a fronte di una perdita pari a zero.

Inoltre, mano a mano che passano i giorni emergono sempre più succosi dettagli dal famoso secondo salvataggio greco deciso due giovedì fa a Bruxelles, visto che cifre alla mano la Grecia non avrà alcun sollievo fiscale se non sarà spinta verso un default. Stando ai calcoli di Citigroup, l’effetto netto del piano farà aumentare il debito ellenico di un ulteriore 4% del Pil, portando l’anno prossimo la ratio debito/Pil al 160%. Quindi, prepariamoci a un terzo salvataggio di Atene (ah scusate, delle banche tedesche, mentre quelle francesi tremano per questa volontà teutonica di sacrificare Italia e Spagna, visto che Parigi è la principale detentrice del nostro debito e il suo stesso cds è salito alla quota da allarme di 122 punti base).


COMMENTI
03/08/2011 - Riprendiamoci la nostra dignità (Mariano Belli)

Ci vuole uno scatto d'orgoglio del Paese : fare come l'Argentina, rinnegare il debito che ci sta strangolando (e fare una legge che vieti ad ogni ente pubblico di contrarre debiti di qualsiasi genere) e rilanciare economia, occupazione e soprattutto la vita delle persone....Non si gioca con la vita umana, molto più etico rinnegare un debito finanziario, i soldi non possono essere al primo posto!

 
02/08/2011 - dubbi legittimi (francesco taddei)

francia,gbr e germania comandano in europa, cercano d'imporre un'egemonia culturale con la stroria delle sole tre lingue e adesso scommettono pure sulla nostra bancarotta! mi potete rispiegare perchè siamo in europa? per sparire?

 
02/08/2011 - M3 (J B)

Come mai ritiene M3 sia ottimale intorno al 5% annuo? Dove ha preso i dati? Come sa, la Fed ha smesso di pubblicarli nel 2006. (Le consiglio shadowstats). Dopo tutte le previsioni accurate e condivisibili, non mi cadrà mica nel clamoroso errore che inflazionare la massa monetaria produce ricchezza? 3-5% annuo è poi proprio la percentuale mi pare indicata da Friedman. (I keynesiani, come sa bene, non hanno freni, con Krugman che può essere considerato alla stregua di un hooligan della massa monetaria).