BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

FINANZA/ E ora Usa e Ue hanno abbandonato la “globalizzazione”

Foto ImagoeconomicaFoto Imagoeconomica

L’Unione europea e a maggior ragione l’eurozona (con gli addentellati di Stati associati all’Ue o in qualche modo con monete agganciate all’euro) sono precursori dei Dpta sorti negli ultimi tempi. Al momento della creazione di quello che sarebbe stato il mercato comune europeo e della conclusione degli accordi di associazione con le ex-colonie, ci fu un intenso dibattito in seno al Gatt (che precedeva l’Omc/Wto e al pari di quest’ultimo si basava sui principi di reciprocità e non discriminazione).

Il relatore fu Alexandre Lamfalussy, allora giovane economista che sarebbe poi stato la guida dell’Istituto monetario europeo (predecessore della Banca centrale europea). Lamfalussy mise a punto un interessante modello econometrico da cui si giunse alla conclusione che il mercato comune europeo sarebbe stato “trade creating” (avrebbe creato commercio mondiale, al netto delle preferenze nell’area) non “trade diverting” (causa di distorsioni). Non sono state fatte analisi analoghe per i numerosissimi altri Dpta.

Cosa si può fare? Mico Apostolov della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa sostiene che l’Ue deve e può prendere l’iniziativa poiché è il maggior blocco commerciale del mondo. Quindi, ha titolo per farsi ascoltare negli organi di governo dell’Omc/Wto. Forse, però, è adesso in tutt’altre faccende affaccendata. Gli Usa, dal canto loro, non riescono neanche a fare ratificare dal Congresso gli accordi bilaterali con Corea, Colombia e Panama firmati ai tempi dell’Amministrazione Bush. Illusorio, quindi, contare su Washington.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
03/08/2011 - il nodo della questione (Fabrizio Terruzzi)

il nodo della questione a me sembra un altro: non ha senso che alcuni paesi/aree siano in deficit commerciale e altri in attivo, cronicamente e magari anche in modo crescente. Prima o poi si generano squilibri tanto profondi da provocare un riequilibrio drammatico e profondo, non solo fra gli stati ma anche al loro interno. Va bene la globalizzazione ma regolata e controllata non selvaggia come sta accadendo. Quali siano gli strumenti veda un po' chi di dovere.