BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

QUALCOSA DI SINISTRA/ Il patto “impossibile” tra Governo e parti sociali

Foto Imagoeconomica Foto Imagoeconomica

Nel ‘92 l’allora presidente del Consiglio Giuliano Amato, in una situazione che sembrava drammatica ma forse lo era meno di quella attuale, convocò le parti sociali e gli impose - praticamente - un accordo, sottoscritto il 31 luglio, minacciando in caso di rifiuto le dimissioni del governo: quello sì che fu un accordo rivoluzionario, che sancì, ad esempio, la fine di ogni sistema di indicizzazione delle retribuzioni, il blocco per 18 mesi della rivalutazione automatica delle pensioni e degli effetti della contrattazione aziendale e un programma di riforme della spesa pubblica (sanità, pensioni, pubblico impiego e finanza locale) che in autunno fu poi varato e venne anche in gran parte attuato, sanando un po’ delle enormi assurdità della situazione precedente.

Insomma, le parti sociali quella volta fecero bene il loro ruolo: accettare di malavoglia di fronte a un governo determinato nell’indicare a tutti la strada dell’interesse collettivo. Stavolta è questo che non si vede: un governo determinato. E le parti sociali non possono, anche volendo, svolgere un ruolo surrogatorio.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
05/08/2011 - Concordo (Mariano Belli)

concordo su quanto espresso nel post di Vittorio Cionini, e aggiungo che uno degli eventi inevitabili sarà secondo me il default sul debito : prima avverrà, prima questo paese potrà risorgere (se si darà regole nuove e un'etica, anche del lavoro, che oggi sembra scomparsa)

 
05/08/2011 - Il vero problema insolubile (Vittorio Cionini)

Per colpa di tutti e quindi di nessuno in Italia si è creata una situazione per cui non è possibile creare nè mantenere in vita un posto di lavoro (dall'operaio al direttore generale) che, rispettando tutte le leggi e gli oneri, sia redditizio. Cioè consenta di produrre beni o servizi vendibili ad un costo inferiore al prezzo accettato dal mercato. E' inutile girarci intorno: è una regola generale. Le eccezioni confermano la regola e sono comunque limitate a settori di nicchia che non possono dar da mangiare a più di 60 milioni di persone ogni giorno più vecchie, indebitate, pensionate e ignoranti. Aspettarsi una soluzione al problema da parte di un coacervo di persone che hanno creato e gonfiato questa situazione è semplice stupidità. La storia insegna che si esce da questi intrecci inestricabili di interessi e veti incrociati solo con eventi dirompenti e drammatici (fame, rivolte, lacrime e sangue). Ho letto in questi giorni che i dirigenti delle PMI hanno conquistato qualche giorno di ferie in più nei loro contratti di lavoro. Bene avanti così che siamo sulla strada giusta. Vittorio Cionini