BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

IL CASO/ 2. Così la riforma del governo non aiuta il pareggio di bilancio

L’Italia è pronta a inserire in Costituzione il vincolo di pareggio del bilancio pubblico. GIUSEPPE PENNISI ci spiega però che qualcosa non va nella proposta del governo

Foto FotoliaFoto Fotolia

Non so quanti dei nostri lettori abbiano dimestichezza con “Justine o le disavventure della virtù” del Marchese De Sade, romanzo giustapposto a quello di “Juliette” che, dall’età di 13 anni, non cercava che di praticare il vizio. Justine voleva una vita virtuosa; per resistere a chi aveva ben altre intenzioni (su di lei), finì in prigione dove gliene capitarono di tutti i colori. Scappata di galera, ebbe disavventure ancora più intrise di vizio.

Tra i suoi consiglieri, il ministro dell’Economia e delle Finanze, Giulio Tremonti, ha un filosofo con un dottorato di una nota università cattolica francofona; gli suggerisco che doni al Ministro una copia, se non di ambedue i romanzi, almeno di quello relativo a Justine.

Prima di andare alle specifiche dello sbilancio italiano, vale la pena ricordare che tra gli Stati che hanno regole analoghe si annoverano perle di virtù fisco-monetaria (il resto non ci interessa): l’Argentina, il Brasile, la Bulgaria, la Colombia, l’Ecuador, l’Egitto, le Filippine, l’India, l’Indonesia, il Marocco, il Panama, il Perù, la Spagna, la Russia, l’Ucraina e l’Ungheria. Certo, regole del genere le hanno anche l’Austria, i Paesi Bassi, la Germania, la Norvegia, il Regno Unito, la Francia, la Svezia, il Giappone e altri. Ciò vuol dire ci si può trovare sia in buona, sia in cattiva compagnia.

Come ci ha insegnato il Premio Nobel per l’Economia Douglas Cecil North, e i numerosi studi empirci della sua scuola (specialmente importanti quelli di Avinash Dixit), molto più importanti delle regole formali sono i comportamenti delle “institutions”, ossia l’insieme di regole informali implicitamente e rigorosamente seguite. Senza dubbio, le regole formali possono contenere incentivi e disincentivi che aiutano a plasmare le “institutions”.

Lo fa l’articolo della legge costituzionale in materia di pareggio di bilancio? Non certo il primo articolo: un auspicio che tutte le pubbliche amministrazioni “perseguano” obiettivi di bilanci in pareggio. Un “perseguimento” da considerarsi più vicino a quello (“della felicità”) della Costituzione americana o a quello (sempre “della felicità”) di quella giapponese. Il primo nasceva nello spirito della Dichiarazione di Philadelphia, il secondo veniva imposto dal Gen. McArthur a un Impero che aveva appena firmato una resa incondizionata.