BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MANOVRA/ Così la Robin Tax minaccia i consumatori italiani

Pubblicazione:

Foto Imagoeconomica  Foto Imagoeconomica

Per andare verso un’economia “decarbonizzata” ci sono due leve: la produzione da fonti rinnovabili e l’efficienza energetica. Ferma restando l'importanza delle prime, si potrebbe fare molto di più per l’efficienza; a oggi, il sistema dei Certificati bianchi, gestito dall’Autorità, ha consentito la diffusione di apparecchiature, sistemi e tecnologie più efficienti nelle case, nei servizi e nell’industria, con risparmi di oltre 7 miliardi kilowattora ogni anno, pari al 2% dei consumi elettrici nazionali ed evitando emissioni di 22,5 milioni di tonnellate di CO2. È vero che l’efficienza energetica ha limiti intrinseci dati dalla tecnologia del momento, ma l’evoluzione tecnologica e l’innovazione possono liberare ulteriori margini di efficienza energetica.

 

Lei è stato nominato “da poco” presidente dell’Autorità: che eredità ha ricevuto e quali sfide la attendono?

 

Se il giudizio sull’azione del Regolatore dell’energia è sin qui positivo, è merito dei due Collegi che ci hanno preceduto, che ringraziamo per aver costantemente mantenuto l’indipendenza dell’Istituzione; ringraziamento che va soprattutto esteso a tutto il personale dell’Autorità per la competenza e dedizione. Quanto alle “sfide”, il primo obiettivo di una regolazione moderna è di definire regole per rendere compatibili i legittimi obiettivi individuali e l’interesse del sistema e dei consumatori nel complesso. Questo, attraverso un’azione ex ante articolata in quattro dimensioni: Crescita, Coordinamento, Comunitario e Consapevolezza del consumatore e una fase ex post, per monitorare e garantire il rispetto delle regole attraverso opportune azioni di enforcement.

 

(Lorenzo Torrisi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.