BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MANOVRA/ 2. Buratti: torniamo ad aumentare l’Iva e l’età pensionabile

Pubblicazione:venerdì 2 settembre 2011 - Ultimo aggiornamento:venerdì 2 settembre 2011, 12.17

Silvio Berlusconi e Giulio Tremonti (Ansa) Silvio Berlusconi e Giulio Tremonti (Ansa)

In questo caso c’è un passaggio dal prelievo alle società energetiche, allargato ora anche al settore autostradale e alle telecomunicazioni, a compensare i tagli agli enti locali. Ma bisogna aggiungere che sono vent’anni che gli enti locali vengono subito presi di mira quando si deve fare una manovra di correzione dei conti pubblici. Hanno già tagliato tanto agli enti locali. Mi sembra che oggi, a Milano, il biglietto della metropolitana sia già passato da un euro a un euro e 50. Poi alla fine i conti si fanno nelle tasche dei cittadini.

I comuni con popolazione inferiore ai 1.000 abitanti dovranno unirsi per gestire tutte le funzioni amministrative. I comuni più piccoli si dovranno aggregare in unioni di almeno 5.000 abitanti, 3.000 per i comuni delle unità montane.

Si promuovono una unione di comuni per avere una governance adeguata sulla gestione dei servizi. Questo può effettivamente procurare dei risparmi nella gestione.

Professore, l’ultima domanda: ma lei che ne pensa di questa manovra?

Diciamo che mi sembra un poco caotica e poco razionale. Infatti è una manovra che esce da una contrattazione continua. Forse era meglio lasciare il contributo di solidarietà. Non so. Mi sembra che qualche correzione sulle pensioni, ad esempio, come quella di elevare l’età pensionabile delle donne a 65 anni, non fosse così “sanguinosa”. Così come un ritocco dell’Iva non mi parrebbe disastroso.

(Gianluigi Da Rold)




© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.