BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MANIFESTO CONFINDUSTRIA/ Gentili: così la Marcegaglia può incalzare il governo

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Immagine d'archivio  Immagine d'archivio

«Non sarebbero i primi», afferma l’ex direttore del Sole. «In molti, nei mesi scorsi, hanno svolto una tale funzione. Basti pensare alla pressione che, in agosto, è provenuta dal capo dello Stato per adottare il metodo della coesione sociale. L’invito, per fortuna, è stato accolto. Le imprese, dal canto loro, hanno realizzato iniziative comuni, presentando dei documenti e aprendo tavoli col governo. Significa che, dalla parti sociali, c’è stato un pressing tale che ha consentito, pur in una fase straordinariamente confusa, di rimettere mano più volte alla manovra».

Una volta presentato il documento, è pur sempre necessario che l’esecutivo ne prenda atto, decida di farne propri i contenuti e di portarli, effettivamente, a realizzazione. In questo, gli aut aut della Marcegaglia potrebbero essere un valido sprone. «Gli ultimatum del capo degli industriali hanno un significato preciso  - conclude -: a fronte dell’assenza di nuove proposte concrete, Confindustria abbandonerà i tavoli di lavoro e le sedi di confronto». Il che, in un momento così delicato, al governo non converrebbe per niente. 

 

(Paolo Nessi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
24/09/2011 - Basta con gli attacchi strumentali alle pensioni (angelo mazzoleni)

Fossi la Camusso risponderei con una proposta alternativa :UNA PATRIMONIALE SECCA SUI BENI DEI SUPER-RICCHI del 40% atta ad estinguere il debito pubblico italiano visto che detengono una ricchezza pari a quasi il triplo dell’ammontare del debito stesso (cosi’ non restano piu’ alibi a questi signori dei poteri forti della finanza malata e dell’industria incapace che delocalizza all’estero evade ecc. ecc.) Forse allora la Marcegaglia capirà che la deve smettere di attaccare i diritti dei lavoratori già tartassati e spolpati. Se proprio si vuol intervenire sulle pensioni già da fame per il pubblico impiego e falso problema, lo si faccia su base VOLONTARIA e non con inaccettabili vessazioni su chi ha sempre pagato le tasse e ha lavorato per 37-40 anni.