BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SCENARIO/ 1. Pelanda: c'è un piano "segreto" per salvare Italia ed Europa

Angela Merkel (Foto Ansa) Angela Merkel (Foto Ansa)

Il chi è la Bce. La sua missione di contingenza è duplice: (a) contenere il costo di rifinanziamento dei debiti sovrani in crisi di fiducia, con un’operazione straordinaria sulla Grecia per coprirne l’insolvenza già evidente anche se non formalizzata; (b) dare tutta la liquidità necessaria alle banche dell’Eurozona che hanno difficoltà a reperirla sul mercato interbancario a costi ragionevoli, perché il timore dell’implosione dell’euro - e quindi della perdita di valore dei titoli di debito che le banche possiedono, spesso messi a patrimonio - lo ha congelato. Se ci riuscirà darà tempo alla politica di trovare una soluzione al problema complesso di costruire un’almeno mezza Europa politica facendo in poco tempo quello che non è riuscito finora, in sostanza, per motivi nazionalisti-protezionisti. Ma per quanto tempo può farlo?

Al riguardo del finanziamento del sistema bancario la capacità è molto ampia. Le risorse per la prima missione, invece, le ha nella misura in cui riuscirà a stampare di fatto moneta, comprando titoli di debito, cosa che le è vietata dallo statuto. Ma di fatto lo sta già facendo da tempo perché la Germania chiude un occhio, appunto, in quanto tale finanziamento del modello-catorcio “compra” tempo per trovare una soluzione. Ma non potrà farlo per sempre, e non con l’intensità con cui lo si fa in America, perché tale strategia produce inflazione ed ha un limite. Se il mercato non crede alla salvezza dell’euro non c’è Bce che tenga. Quindi nel corso dei mesi i governi dovranno mostrare che, pur lentamente, stanno muovendosi verso un accordo. Si comincia a vedere la luce alla fine dell’eurotunnel, anche se la strada è ancora lunga e buia.

 

www.carlopelanda.com

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
26/09/2011 - avvenire (francesco taddei)

con l'avvento dell'europa politica si certificherà ciò che oggi di fatto avviene e che costituisce il ribaltamento delle parole di Helmut Kohl: "non un'europa germanizzata ma una germania europea"