BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

TOBIN TAX/ Domani l’annuncio della tassa sulle transazioni finanziarie a livello europeo

La tanto discussa Tobin Tax dovrebbe diventare presto realtà in Europa. Le transazioni finanziarie subiranno la stessa aliquota su tutto il territorio dell’Unione europea a partire dal 2014

Foto AnsaFoto Ansa

La tanto discussa Tobin Tax dovrebbe diventare presto realtà in Europa. Le transazioni finanziarie subiranno la stessa aliquota su tutto il territorio dell’Unione europea molto probabilmente a partire dal 2014. Il varo formale della Tobin Tax, secondo quanto si apprende dalle agenzie di stampa, dovrebbe avvenire domani durante il discorso dell’Unione che il Presidente della Commissione europea, José Manuel Barroso, terrà dinanzi al Parlamento europeo. Ci dovrebbero essere due aliquote diverse a seconda della tipologia di operazione finanziaria: una più bassa per gli strumenti tradizionali e una più alta per quelli speculativi e sui derivati. Inoltre, a livello europeo dovrebbe essere posto un tetto minimo cui tutti i paesi membri dovranno adeguarsi, potendo anche eventualmente modificare al rialzo l’aliquota stessa.

La Tobin Tax potrebbe quindi essere formalmente annunciata dopo che sono passati tre anni dal crollo di Lehman Brothers, l’evento diventato l’emblema della recente crisi finanziaria, i cui strascichi non sembrano essere stati ancora superati. Già nel 2009, dopo che il dito era stato puntato contro il mondo della finanza e dei banchieri, era nata l’idea di tassare in modo più deciso le transazioni finanziarie, in modo che fosse lo stesso mondo che aveva generato la crisi a pagarne i danni. Uno dei paesi europei più convinti della necessità di adottare questa misura a livello comunitario è stata la Francia: Nicolas Sarkozy si è infatti più volte pronunciato contro le colpe del mondo finanziario. Tuttavia, alcuni paesi hanno mostrato sempre una certa avversione a questa misura, in particolare quelli legati al mondo finanziario come la Gran Bretagna. Alle grandi banche d’affari che popolano Londra basterebbe ben poco per traslocare le loro attività altrove (per un certo periodo di tempo si era parlato di un trasferimento di massa in Svizzera), con notevoli ripercussioni negative sul lato occupazionale della City.

Se l’annuncio non ha portato scossoni sull’andamento positivo delle borse europee le ragioni possono essere due: la Tobin Tax entrerà eventualmente in vigore nel 2014 e da qui a due anni potrebbe subire ritardi o revisioni; non ci sono ancora dati e numeri riguardo le tipologie di transazioni coinvolte e le aliquote che andrebbero applicate.