BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA/ Barroso: sì a eurobond e Tobin Tax. Da rifare i Trattati Ue

Pubblicazione:

Immagine d'archivio  Immagine d'archivio

Nel suo discorso sullo stato dell'unione tenuto a Strasburgo, il presidente della Commissione europea Josè Manuel Barroso ha rilanciato alcune dichiarazioni particolarmente significative a proposito della crisi finanziaria del debito che attraversa l'Europa e il modo per combatterla. Ha infatti individuato almeno un tema fino ad oggi di forte scontro tra i Paesi membri della UE, caldamente sostenuto ad esempio dal nostro ministro delle finanze Tremonti, e cioè gli eurobond. L'uso degli eurobond è infatti fortissimamente contrastato dalla Germania che ha sempre posto veto contrario. Arriva adesso invece il parere del rappresentante ufficiale della stessa UE, Barroso, che a proposito di eurobond si dice favorevole, considerandoli "vantaggiosi" per l'eurozona.

Sulle obbligazioni europee,  Barroso ha detto: "Una volta che l’eurozona si sarà dotata degli strumenti per garantire integrazione e disciplina, l’emissione di debito comune sarà un passaggio naturale e vantaggioso per tutti". Vedremo adesso se tale intervento pro eurobond porterà a cambiamenti nella linea della Germania al loro proposito. Ma nel suo discorso il presidente UE ha rilasciato altri commenti particolarmente significativi. Ha annunciato infatti che la Commissione UE ha deciso ufficialmente di introdurre un sistema comune di tassazione sulle transazioni finanziarie, che significa Tobin Tax. Adottarla a partire dal 2014 porterà a un gettito annuo di 55 miliardi. Barroso ha quindi detto che la Grecia resterà nell'eurozona, la grave crisi che la attraversa non riuscirà a portarla fuori dalla comunità: "La situazione è grave, ma ci sono soluzioni a questa crisi e l'Europa ha un futuro". Con parole particolarmente accorate, Barroso ha sottolineato con l'attuale crisi del debito sia la più grande sfida della storia dell'Unione europea: "Oggi siamo di fronte alla più grande sfida che abbia conosciuto la nostra Unione in tutta la sua storia", una crisi che, ha aggiunto, è possibile ma soprattutto necessario risolvere.  



  PAG. SUCC. >