BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

J'ACCUSE/ Sapelli: sulle privatizzazioni Tremonti sta facendo l'errore di Prodi

Foto Ansa Foto Ansa

Tra l'altro la cifra indicata di 25, 30 miliardi di euro non sembra poi così imponente: "E' una cifra ridicola" dice Sapelli. Il professor Reviglio dice però che il patrimonio pubblico vale oltre 1800 miliardi di euro di cui 700 immediatamente fruttiferi e sostiene che le aree su cui si può intervenire sono crediti, concessioni, immobili e partecipazioni: "Il massimo rispetto per Edoardo Reviglio, un grande luminare del campo. Però con questi chiari di luna che viviamo, con la situazione internazionale drammatica, con una nuova era di protezionismo alle porte, vendere il 30% di Eni o di Finmeccanica mi sembra ad altissimo rischio. Sono società molto ben amministrate, non siamo più ai tempi della Prima Repubblica, non vedo perché dobbiamo vendere i gioielli della corona".

Eppure il discorso sulle privatizzazioni è molto sentito in questo momento e se ne sottolinea da più parti l'importanza per far fronte alla crisi: "Dieci o quindici anni fa sarei stato d'accordo, nel mio percorso storico sono stato protagonista dell'idea di privatizzazione. Ma oggi devo dire che abbiamo fatto disastri, abbiamo distrutto la base industriale del Paese. Non ci fossero le piccole imprese, Eni e Finmeccanica avremmo raso al suolo tutto. Abbiamo privatizzato dimenticando che per farlo devi affidarti a gruppi industriali forti e stabili". Non è stato così? "Mi citi un caso delle industrie privatizzate andate bene: alcune sono addirittura scomparse, la Telecom che era un'azienda mondiale oggi è in piena catastrofe. Bisogna pensarci molto e avere le idee chiare: privatizzare per cosa e come? Prima bisogna liberalizzare i mercati poi si privatizzerà".

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
30/09/2011 - commento quasi serale (Diego Perna)

" Non ci fossero le piccole imprese, Eni e Finmeccanica avremmo raso al suolo tutto." Ci sono le piccole imprese, ottime da mungere, solo che oramai per molte di queste si prevede la chiusura, non riescono a competere sia per le dimensioni ,ma sopratutto per eccessiva burocrazia e "studi di damocle" con il mondo globale. Io continuo a insistere, aiutiamo proprio quelle in difficoltà, in altre occasioni ce l'hanno fatta, togliamogli dal groppone un pò di pesi non loro, anzichè mettergliene altri, sennò schiattano e il botto lo sentiremo tutti!! Buona serata