BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

FINANZA/ Bertone: ecco le novità dei mercati che "salvano" l’Italia

Mario Draghi (Infophoto) Mario Draghi (Infophoto)

La mancanza di credibilità delle istituzioni o dell’azione di governo, che discende da promesse da marinaio o da impegni rinviati alle calende greche, diventa così una concausa primaria dei problemi della vita di ogni giorno. Non è una novità, ma in tempi di crisi, quando l’efficienza e il rigore diventano una precondizione quantomeno per non peggiorare la situazione, rispettare gli obiettivi e garantirsi credibilità nei confronti di terzi diventa essenziale, se non sufficiente. È bene ricordarlo dopo la prima giornata davvero positiva per la finanza di casa nostra da molti mesi a questa parte.

I mercati, di fronte all’apertura di frau Angela Merkel, hanno preso atto che la Germania è scesa finalmente dall’Aventino e si accinge, nel suo interesse, a collaborare per il risanamento dei conti italiani. Mario Draghi può accingersi alla fase due, ovvero a “sparare” entro fine febbraio un altro maxi prestito ricostituente della Bce al sistema bancario nella speranza che nel frattempo decolli un’Unione fiscale “chiara e non ambigua”. In questo modo, sia ben chiaro, non si mettono le basi per la ripresa dell’economia reale o tantomeno per far affluire in maniera copiosa i quattrini alle imprese. Ma si evita quanto meno la catastrofe. Poi, si vedrà: il rilancio dell’economia reale, in Italia soprattutto, non è solo questione di mezzi finanziari, ma anche di qualità del tessuto delle imprese.

Semmai si può sperare nel propellente delle valute: l’euro si sta indebolendo, con gran beneficio per l’export. Mancano i compratori? Niente paura. È lecito attendersi che, dopo i prestiti della Bce alle banche e il rafforzamento dell’Efsf, la palla torni sull’altra riva dell’Oceano: al primo rallentamento della congiuntura Usa, atteso per la primavera, il presidente della Fed Ben Bernanke rilancerà gli stimoli all’economia, come ha lasciato intendere nel Beige Book dedicato alla congiuntura Usa uscito mercoledì.

L’uscita dal tunnel della crisi non è ancora all’orizzonte. Anzi, se si guarda all’economia reale, la parte più dolorosa comincia adesso. Ma la finanza, così come ha anticipato nel 2007 l’insorgere della crisi, forse sta anticipando che finalmente è stata imboccata la strada giusta per uscire dalla crisi. Purché non si ceda al vecchio vizio di prender scorciatoie nell’illusione di difendere vecchi vizi corporativi.

Guai ad abbassare la guardia, o pensare che il più è stato fatto. Questo vale per i tassisti o i farmacisti. Assai di più per i civil servants (magistrati in testa) che lucrano il doppio o triplo stipendio sugli arbitrati resi necessari dall’inefficienza della Pubblica amministrazione o della giustizia. Vale, soprattutto, per la grande finanza: basta con il capitalismo familistico, di cui il gruppo Ligresti è stato l’emblema, basta con i banchieri troppo generosi con i potenti, al di là dei numeri.

Insomma, liberalizziamo i taxi, ma prima ancora Piazza Affari, ancora troppo condizionata da salotti buoni o, più spesso, assai meno buoni. Solo così non avremo patito invano.

© Riproduzione Riservata.