BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LIBERALIZZAZIONI/ Ordini e professioni: così Monti "copia" le idee di Tremonti

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Giulio Tremonti e Mario Monti (Foto Imagoeconomica)  Giulio Tremonti e Mario Monti (Foto Imagoeconomica)

Non so dire se qualche ordine risponda a logiche diverse, ma che questo implichi una critica globale al sistema è un altro discorso. Un ordine può non funzionare per moltissimi motivi, ma resta il fatto che in generale gli ordini professionali sono indispensabili. Su quello dei commercialisti sono sereno e credo che altri ordini abbiano le stesse caratteristiche del mio.

I Caf e le associazioni di categoria possono offrire da tempo dei servizi fiscali gratuiti. Questa non è già una forma di concorrenza nei confronti dei commercialisti?

La concorrenza nei confronti dei commercialisti è nettamente più ampia oggi di quella che esista per molte altre professioni. E questo per il semplicissimo motivo che noi non abbiamo nessuna forma di attività riservata. Siamo abituati a confrontarci sul mercato con altri soggetti, ciascuno dei quali può svolgere alcune delle nostre attività. I commercialisti non hanno un riconoscimento di esclusiva, ma di specifiche competenze. Non siamo quindi spaventati dal mercato, anche perché i nostri clienti sono il mercato stesso, formato dai cittadini e dalle imprese che valutano la convenienza comparata delle nostre prestazioni. Evidentemente la convenienza sul mercato è legata a una qualità delle nostre prestazioni percepita come diversa da quella fornita da altri soggetti. Le nostre forme di tutela sono la capacità e il merito, e non invece la riserva o lo steccato.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.