BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PMI/ L'esperto: vi spiego perché ripagare i debiti della Pa con titoli di Stato non aiuta le imprese

Foto Imagoeconomica Foto Imagoeconomica

Dal punto di vista economico è come se fosse una specie di tenaglia che stringe il piccolo imprenditore, e non a caso quest’anno ci sono stati diversi suicidi a causa di queste difficoltà, che qualcuno ha stimato addirittura in quaranta: non so se il dato sia del tutto corretto, ma se si trattasse anche solo di un suicidio, trovo impressionante il fatto che un imprenditore scelga di togliersi la vita per questi problemi.

Come giudica allora la proposta del ministro Passera?

Non credo che sia questa la soluzione migliore, e tra l’altro c’è una direttiva europea, che a breve dovrebbe essere applicata, che chiede di effettuare il pagamento entro trenta giorni, ma non credo che in Italia questo possa accadere. Il fatto di pagare con i titoli di Stato presenta una serie di complessità: innanzitutto perché solo una parte di questi 80 miliardi di euro di debito sono riferibili all’amministrazione centrale, ai ministeri, alle società pubbliche e agli enti, perché la maggior parte dei debiti fanno invece capo ad amministrazioni decentrate le quali per altro, anche quando hanno la liquidità, non possono pagare a causa del patto di stabilità interno. Se lo Stato volesse pagare i debiti delle Regioni e delle Province tramite Bot, dovrebbe quindi prendersi il peso di miliardi di debiti che al momento non gli competono.

E se decidesse di farlo?

Certamente avrebbe un peso in termini di finanza pubblica, ma io mi chiedo: il povero imprenditore, che si trova pagato con un titolo di debito pubblico dello Stato, cosa farà? Naturalmente vorrà del contante in cambio di questo titolo, ma a che prezzo si potrà fare questo scambio? È necessario allora un accordo simultaneo con le banche, che non è detto che per il piccolo imprenditore sia vantaggioso. Credo quindi che la situazione sia molto complessa e che non esistano soluzioni semplici: ci sono dei debiti che vanno pagati, e non si possono trovare espedienti per risolvere così superficialmente il problema. Ci sono imprenditori, che a loro volta hanno dipendenti da pagare, che si trovano di fronte a uno Stato che non rispetta i suoi obblighi, e si tratta certamente di una situazione inaccettabile.

 

(Claudio Perlini) 

© Riproduzione Riservata.