BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LIBERALIZZAZIONI/ Farmacie: sui prezzi delle medicine Monti ha sbagliato bersaglio

Pubblicazione:

Una insegna di una farmacia (Infophoto)  Una insegna di una farmacia (Infophoto)

Tutti si auspicano un Paese liberalizzato, senza normative ossessive o “lacci e lacciuoli” come si usa dire, e quindi guardano con attenzione al processo di liberalizzazione predisposto dal Governo. Ma se le premesse sono che da questo “primo pacchetto” di liberalizzazioni si possa aumentare il Pil in modo consistente, i dubbi diventano più che legittimi. Si è partiti con grandi problemi, come lo scorporo della rete del gas che è stata rinviata con un procedimento abbastanza lungo, e si è poi ripiegato su taxi, farmacie e notai. Al momento il Paese rischia il blocco per l'azione di alcune categorie. I farmacisti dovrebbero entrare in sciopero il 1 febbraio. Non tutti sono d'accordo con questa agitazione, ma c'è qualcuno che si chiede, come Giulio Lapidari farmacista di Omegna (VB), se il destino dell'economia italiana, il suo futuro e il suo sviluppo dipenda proprio dalla liberalizzazione delle farmacie.

Che cosa non la convince di questo provvedimento?

Diciamo innanzitutto che al momento si è messo solo una “pezza”, anche un po' pasticciata. I farmaci cosiddetti di “fascia C” saranno ancora venduti nelle farmacie. Poi mi sembra che si stia discutendo sul rapporto tra farmacia e abitanti, che attualmente è di una ogni quattromila. La si vuole portare a una ogni tremila abitanti. Vorrei solo fare notare che un rapporto corretto ed equilibrato esiste al Nord e nel Centro Italia, con relative deroghe per centri più piccoli, paesi che hanno magari duemila abitanti. Ma ci sono le carenze del Sud, dove i rapporti previsti sballano completamente e si presentano ovunque delle grandi emergenze ed esigenze. Allora il problema dovrebbe essere un altro e non conviene agire astrattamente.

L'Italia è un Paese di grandi tradizioni comunali, di piccoli centri che hanno comunque una vita ben calibrata ed equilibrata. In questi luoghi le farmacie che ruolo hanno svolto?

Sono state spesso un primo presidio sanitario nel territorio, un punto di riferimento per parecchie persone. C'è un rapporto continuo, puntuale e solido con le persone. È evidente che questo tipo di rapporto con una liberalizzazione accentuata rischia di saltare. Ed è un vero peccato perché rompe una vecchia e consolidata tradizione italiana.

In genere i farmacisti dicono che le farmacie svolgono anche altre funzioni utili.

Certamente. Ad esempio, cosa che nessuno dice, è proprio attraverso le farmacie che si può monitorare la spesa farmaceutica nazionale, che è in discesa da tempo.

Eppure c'è un problema di prezzi, di sconti, che viene sempre ribadito in questi giorni con insistenza.


  PAG. SUCC. >