BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

FINANZA/ Pelanda: Italia, ecco come evitare il suicidio

Il trattato europeo di unione fiscale nasconde una forte insidia per l’Italia, dettata dal rigorismo della Germania. CARLO PELANDA ci spiega come evitare questa sorta di suicidio economico

Angela Merkel e Mario Monti (Infophoto) Angela Merkel e Mario Monti (Infophoto)

Se l’Italia firmerà l’articolo specifico del trattato “Fiscal Compact” che la impegna a portare il debito dal 120% del Pil al 60% in 20 anni e con un calendario rigido di abbattimento per anno di circa 40-45 miliardi, pena sanzioni, cadrà in una depressione irreversibile. In questi giorni sarà rifinita la bozza del trattato. Ritengo prioritario valutare se e come l’Italia possa evitare il suicidio economico imposto dall’irrazionale diktat rigorista della Germania.

Altre parti del trattato sono dure, ma sensate, per esempio l’obbligo al pareggio di bilancio con legge di forza costituzionale. La dottrina economica sconsiglia vincoli assoluti al bilancio pubblico, perché tolgono a uno Stato strumenti per interventi d’emergenza. Ma bisogna considerare che una nazione con debito al 120% del Pil deve riuscire a comunicare al mercato in modo credibile che lo ripagherà, ottenendo che il mercato stesso continui a comprare i titoli, a costi sostenibili, nelle aste di rifinanziamento. E il modo migliore per comunicarlo è rendere certo che il debito non aumenterà più nel futuro impedendo il deficit annuo nel bilancio.

Ma proprio per questo motivo non ha senso rendere rigido e depressivo il calendario di riduzione del debito. Un debito “inscatolato” si riduce ogni anno del 2-3% per effetto dell’inflazione. Il fatto di non farne più, se combinato con una riforma di efficienza economica che aumenta il potenziale di crescita, aumenta la credibilità sul fatto che lo ripagheremo, rendendo così sostenibile il rifinanziamento delle obbligazioni residue.

L’Italia ha interesse a ridurre il debito per riportare il costo degli interessi - dai 70 ai 90 miliardi annui, ora, per l’Italia - al servizio di politiche stimolative, o investimenti pubblici oppure, meglio, detassazione, ma deve trovare tempi e modi, cioè consenso, per poterlo fare. In particolare, se la riduzione del debito deve essere attuata attraverso finanziarizzazione e vendita del patrimonio, soluzione che nel caso italiano è possibile per ben 800 miliardi, ci deve essere la possibilità di scegliere il momento giusto di mercato per le operazioni.

In sintesi, la riduzione del debito richiede flessibilità. Ma, il punto, è che la Germania non vuole darla all’Italia perché non crede che i nostri governi saranno capaci di fare né le riforme di crescita, né operazioni patrimonio contro debito. Ha qualche ragione, in base ai fatti: la casta non molla il bottino del patrimonio, la politica di efficienza è bloccata da veti corporativi e da poteri oligarchici oscuri e sindacati cavernicoli.