BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

FINANZA/ Quel nuovo allarme ignorato dal vertice Ue

Foto Imagoeconomica Foto Imagoeconomica

Gli esperti del Fmi hanno previsto che il debito pubblico portoghese toccherà il suo picco il prossimo anno, raggiungendo il 118% del Pil, ma il combinato di debito pubblico, corporate e privato è quasi al 360% del Pil, molto più alto di quello greco. E molte aziende lusitane stanno già lottando per riuscire a ottenere un roll over sul debito estero: ecco il tallone d’Achille di Lisbona, cui va unito un deficit di conto corrente dell’8% del Pil nel 2011. Insomma, il Portogallo ha appena dato il via a un disperato tentativo di svalutazione interna nel contesto dell’eurozona: la strada migliore per raggiungere a passi spediti Atene.

E che ci sia qualcosa che il mercato sta già prezzando, al di là del già contemplato default ellenico (ciò che potrebbe generare uno shock è la natura della bancarotta, ordinata o coercitiva), lo dimostrano gli andamenti dei mercati di venerdì scorso, un chiaro segnale di avversione al rischio nell’eurozona visto che per la prima volta dopo molto tempo i titoli azionari europei hanno dato vita a una divaricazione negativa dal mercato del credito, con l’euro quasi a 1,32 sul dollaro e i titoli finanziari a picco.

Non a caso, ieri, nonostante il Tesoro italiano avesse collocato tutti i due miliardi di Btp a dieci anni con rendimenti in calo al 6,08% dal 6,98% dell’ultima analoga asta di dicembre e i 3,57 miliardi di euro di titoli a cinque anni al 5,39% contro il precedente 6,47%, lo spread è tornato a correre prendendo 30 punti base in due ore e le Borse europee erano tutte negative. L’Europa come insieme è in modalità risk-off, ringraziate frau Merkel e i suoi sodali. Inoltre, sempre sul finire della scorsa settimana si è registrato un altro crollo, quello del prezzo di offerta dei cds greci legati a bonds, chiaro segnale della disperazione con cui alcune banche stanno cercando di scaricare i GGB Basis che hanno in portafoglio.

Insomma, ieri a Bruxelles si parlava di Grecia quando il mercato già trattava il default portoghese: sempre in ritardo di un giro, sempre asincrona questa Europa.

© Riproduzione Riservata.