BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

FISCO/ Befera: il nuovo redditometro operativo entro giugno

Il direttore dell’Agenzia delle Entrate, Attilio Befera, ha spiegato durante un’audizione in commissione Finanze della Camera che il nuovo redditometro sarà operativo entro giugno

Foto InfoPhoto Foto InfoPhoto

Il direttore dell’Agenzia delle Entrate, Attilio Befera, ha spiegato quest’oggi durante un’audizione in commissione Finanze della Camera che il nuovo redditometro sarà operativo «entro il primo semestre del 2012» e che «la sperimentazione si concluderà entro febbraio 2012. Con il nuovo strumento vengono valorizzate ben 100 voci di spesa». Befera ha anche sottolineato che nel 2011 «la lotta all'evasione si è ulteriormente rafforzata facendo registrare un trend positivo nel recupero delle tasse. I risultati testimoniano netto miglioramento in qualità ed efficacia nel contrasto agli inadempimenti tributari», mentre «gli accertamenti ai fini delle imposte dirette sono stati oltre 700mila, un milione i controlli formali sulle dichiarazioni dei redditi e 300mila su materia di registro». Riguardo al ruolo di Equitalia, Befera ha spiegato che «nell’emergere della crisi si è tentati di assegnare ad Equitalia l'improprio ruolo di ammortizzatore sociale». La società è «consapevole di dover agire contro dei soggetti che versano in particolari difficoltà economiche ma c’è anche chi ha fatto tutto per pagare» le tasse. «La crisi – ha continuato Befera - dà voce alla richiesta generale di equità fiscale contro la furbizia individuale di corta veduta che è solo mediocrità umana. Può essere il momento di un cambiamento culturale così a lungo atteso e faremo di tutto per essere all'altezza di questa attesa». Il direttore dell’Agenzia delle Entrate ha poi parlato dei tanti attacchi subiti da Equitalia in questo periodo, spiegando che negli «ultimi sei mesi del 2011 si è verificato un crescendo di iniziative di contestazione cominciate con attacchi verbali e degenerate poi in vere e proprie manifestazioni di violenza». Per quanto riguarda la quantità di questi episodi, Befera ha precisato che gli attacchi  sono stati 250 «dall'inizio dello scorso anno, di cui 70 solo a gennaio di quest'anno», il che ha provocato «ovviamente demotivazione e paura tra i dipendenti del gruppo Equitalia».